14 Ottobre 1943 – Fuga da Sobibor

Nel 1942 il capo delle SS Himmler, diede inizio all’operazione Reinhard, la soluzione finale della questione ebraica della Germania Nazista. In segreto, nella Polonia orientale, vengono eretti 3 grandi campi di concentramento nella Polonia orientale, come Belzec e Treblinka. Ma il più segreto di tutti era Sobibor, vicino ai confini dell’Unione Sovietica. Fu li che il 14 Ottobre 1943, riuscì la più grande rivolta di prigionieri della Seconda Guerra Mondiale. All’interno del campo si formò un gruppo di resistenti ebrei, guidati da Leon Feldhendler, ex capo del Consiglio Ebraico della città di Zolkiew in Polonia, che stavano progettando la fuga dal campo di concentramento. I rivoltosi trovarono la loro guida in Aleksandr Aronovic “Sasa” Pecerskij, capitano ucraino dell’Armata Rossa, il quale insieme agli altri soldati della sua divisione, aiutò e organizzò l’evasione da Sobibor. Il piano prevedeva l’eliminazione dei capi delle SS di guardia nel campo, i quali dovevano essere attirati singolarmente in luoghi isolati e poi uccisi. Poi ci sarebbe stato l’assalto all’arsenale del campo, per poi fuggire dal cancello principale, dato che il resto del perimetro era minato. Undici ufficiali delle SS vennero uccisi ma la scoperta del cadavere del sergente Rudolf Beckmann mise in allerta i guardiani del campo che iniziarono a massacrare i primi detenuti che tentavano la fuga attraverso il campo minato in direzione del bosco. Alcuni di questi prigionieri morirono saltando per aria sulle mine ma in questo modo riuscirono ad aprire la strada agli altri che li seguivano. Il capitano che si occupava di Sobibor, dopo la rivolta nel campo fu trasferito a Trieste e li ucciso dai partigiani meno di tre mesi dopo la rivolta. Leon Feldhendler raggiunse Lublino in Polonia, dove rimase fino alla liberazione. La città fu liberata dall’Armata Rossa il 24 Luglio 1944 e divenne il quartier generale temporaneo del Comitato Comunista Polacco di Liberazione, istituito da Stalin. La aprì un’attività dando lavoro a molti ebrei sopravvissuti ai campi di concentramento, inclusi quello di Sobibor. Durante un confronto con degli antisemiti, Feldhendeler fu ferito con un colpo di pistola dai nazionalisti polacchi il 2 Agosto 1944, perché era ebreo. Morì il 6 Agosto dopo una lunga agonia. Pecerskij, insieme ai suoi compagni, raggiunse le linee russe e riprese la guerra contro i nazisti. Dopo la guerra fu sospettato di essersi liberatamente consegnato nelle mani dei tedeschi e sospettato dunque di tradimento. Ma quando finalmente gli fu riconosciuto il suo contributo alla lotta contro il Fascismo, Pecerskij fu liberato e fu esaltato per la sua operazione durante la rivolta di Sobibor. Nel 1963, Pecerskij fornì una testimonianza chiave al processo ai criminali di guerra contro undici guardie ucraine di Sobibor; dieci di loro furono condannate a morte. Nel 1973 andò in pensione e visse a Rostov sul Don in Unione Sovietica; morì il 19 gennaio 1990. Sobibor era un campo di sterminio dove furono uccisi più di un quarto di milione di ebrei, ma il 14 ottobre del 1943 più di 300 dei 600 internati riuscirono a raggiungere la libertà. Ma 70 morirono durante la fuga, mentre altri furono catturati e uccisi negli altri campi di concentramento. Alla fine coloro che riuscirono a scampare alla cattura furono tra i 50 e i 60. Dopo la rivolta, Himmler ordinò di chiudere il campo, di smantellarlo e di piantarci dei pini trasformandolo in una fattoria dove una guardia ucraina occupava il finto ruolo di contadino. Oggi in quel bosco si erge questo monumento ai caduti, in ricordo dei valorosi combattenti di Sobibor che iniziarono a far diventare reale quel desiderio degli uomini che gridano “Mai più!”

Duccio Checchi

Posted in Senza categoria | Leave a comment

“Viareggio sta con il Rojava!” In tanti al presidio contro la guerra di Erdogan.

Oltre 150 persone hanno risposto al presidio unitario di sabato 12 ottobre “Viareggio sta con il Rojava”. Bandiere, striscioni, volantini e interventi dal microfono per condannare la vile aggressione di Erdogan al popolo curdo e alla Siria. E’ stato denunciata anche l’ipocrisia dei paesi europei e il tradimento degli USA. Tutti gli interventi hanno chiesto che l’Italia smetta di vendere armi a paesi come la Turchia e l’Arabia Saudita. Uno striscione rosso chiedeva anche l’uscita dell’Italia dalla NATO.
Al presidio hanno aderito Potere al Popolo Versilia , Repubblica Viareggina, Officina Dada Boom, Cantiere Sociale Versiliese, Partito Comunista dei Lavoratori, Casa delle Donne, CSOA SARS, Brigata Mutuo Sociale per l’Abitare, ASIA/USB, Viareggio Meticcia, ARCI, PC, Fronte della Gioventu Comunista, PCI sezione Viareggio, Associazione Senza Confini, Lega Ambiente, Laboratorio Contro la Repressione Sacko, ANPI Viareggio, Sinistra Italiana, Articolo 1 MDP.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Il Laboratorio contro la Repressione “Sacko” ha presentato a Torre del Lago una mappatura sulla repressione.

Il Laboratorio contro la Repressione “Sacko” ha presentato, venerdì 11 ottobre, presso una casa occupata di Torre del Lago, scelta simbolica importante, la mappatura dei vari procedimenti penali che colpiscono le lotte sociali tra Viareggio, Massa e Lucca. All’iniziativa presenti alcune decine di compagni ma soprattutto di proletari specialmente migranti che subiscono ogni giorno l’attacco della repressione e del razzismo. L’opuscolo è in divenire e sarà aggiornato volta volta che giungeranno ai compagni del Laboratorio segnalazioni di nuovi procedimenti penali. L’obbiettivo è poi quello di estenderlo anche ad altre città della Toscana. La maggioranza dei procedimenti penali, presi per il momento in visione, riguardano le lotte per il diritto all’abitare o le contestazioni democratiche a politici demagogici come Matteo Salvini e Matteo Renzi, l’antifascismo, ecc..

Dopo la presentazione dell’opuscolo c’è stata una cena sociale per raccogliere soldi per le spese legali delle compagne e dei compagni. Il modo migliore per affrontare la repressione, è stato detto, è quello di costruire solidarietà di classe a prescindere dall’organizzazione di appartenenza e dalle posizioni politiche.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Unione Inquilini anche quest’anno in piazza per il 10 ottobre “giornata sfratti zero.”

L’Unione Inquilini ha promosso un presidio davanti al municipio di Viareggio nell’ottava giornata nazionale “Sfratti Zero.” Con bandiere e striscioni davanti all’ingresso del comune hanno chiesto che gli abitanti delle case occupate siano regolarizzati, di bloccare gli sfratti, di redigere un piano casa che metta al centro le persone e non il profitto e la riqualificazione dell’immenso patrimonio abitativo pubblico e privato in stato di abbandono e degrado. All’iniziativa hanno aderito anche Rifondazione Comunista, Partito Comunista e FIOM. Vedremo adesso se l’amministrazione vorrà ascoltare queste richieste o tirerà dritto come ha sempre fatto.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Appello di Potere al Popolo ad una mobilitazione unitaria per sabato a Viareggio sul Rojava.

APPELLO A SCENDERE IN PIAZZA A VIAREGGIO PER IL ROJAVA.

Noi stiamo con il Kurdistan e la rivoluzione del Rojava! No all’invasione turca!

Soltanto qualche giorno fa gli Usa hanno voltato le spalle al Kurdistan, la cui guerra di resistenza hanno sostenuto fintanto che c’è stato bisogno di ridimensionare il fenomeno Isis, accordando il via libera al sultano turco Erdogan per l’invasione della Siria del Nord.

Era solo questione di tempo perché il sostegno degli Usa venisse meno.

La rivoluzione del Rojava, nel caos della guerra contro l’Isis, è stata in grado di costruire una società nuova, libera ed egualitaria, basata su principii di convivenza di culture e religioni, femminismo ed ecologismo, creando esperienze di autorganizzazione popolare innovative, attirando così nelle file delle Forze Democratiche Siriane, in particolare nelle YPG e YPJ a maggioranza curda, combattenti volontari da tutto il mondo, desiderosi di unirsi alla causa curda. Di questi volontari, ricordiamo Giovanni Francesco Asperti, 53 anni di Bergamo e Lorenzo Orsetti, detto Orso, 33 anni di Firenze, caduti per mano dell’Isis rispettivamente nel dicembre del 2018 e nel marzo del 2019.

Schierarsi al fianco dei curdi oggi vuol dire rispettare la memoria e il sacrificio di tanti uomini e donne valorosi, che hanno messo la loro vita al servizio di una rivoluzione per il solo spirito di giustizia, opponendosi di fatto anche all’avanzata inesorabile dello Stato Islamico.

La lotta dei curdi è anche nostra! La rivoluzione del Rojava riguarda tutti noi! Contro il terrorismo nero dell’Isis, le mire colonialiste della Turchia sostenute dagli Usa e dal silenzio-assenso dell’Europa! Per una società più giusta ed egualitaria, non più patriarcale, anticapitalista!

Invitiamo tutte le forze politiche e sociali e tutte/i le/i cittadine/i che sentono il bisogno di esprimere la propria solidarietà al popolo curdo e il proprio sdegno alle politiche criminale di Erdogan a scendere in piazza sabato 12 ottobre alle ore 17.30 in Piazza Campioni vicino al molo di Viareggio.
Diciamo No con forza a questa nuova guerra! 

Chiunque voglia aderire lo comunichi scrivendo a poterealpopolo.versi@virgilio.it

Potere al Popolo Versilia

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Incontro tra Articolo 1 MDP e Repubblica Viareggina


Come Articolo Uno Versilia e Repubblica Viareggina ci siamo incontrati martedì 8 ottobre. L’incontro tra le nostre due delegazioni è stato cordiale ed utile per fare il punto sulla situazione politica. Abbiamo convenuto che Viareggio non ha bisogno di finire nelle mani di una destra arrogante e pericolosa come quella rappresentata dalla Lega, ma con franchezza ci siamo detti che occorre anche voltare pagina rispetto alla stagione di Giorgio Del Ghingaro, caratterizzata dalla svendita del patrimonio cittadino e da decisioni prese con approssimazione ed eccessivo decisionismo. Siamo nettamente contrari all’uscita dall’ente parco del comune di Viareggio. I temi che essenzialmente abbiamo a cuore per costruire un’alternativa concreta per questa città sono l’ambiente, il sociale e la partecipazione democratica.
Nonostante alcune differenze auspichiamo di poter proseguire il dialogo magari, anche, con altre forze politiche.

ART 1 MDP
Repubblica Versilia
Posted in Senza categoria | Leave a comment

La difesa per gli indagati che contestarono Matteo Salvini insiste: “Non si può processare due volte per gli stessi fatti.”

Oggi alle 15, accompagnato dai miei legali Francesca Trasatti e Filippo Antonini, mi sono recato dai carabinieri per farmi sentire in merito alla contestazione a Matteo Salvini sulla quale sono state riaperte le indagini condotte dal Pubblico Ministero Antonio Mariotti, nonostante un’assoluzione in formula piena ottenuta anche con la richiesta della pubblica accusa lo scorso dicembre. Ho consegnato una memoria difensiva nel quale si sottolinea, che stando al principio del “ne bis idem” sancito dall’articolo 649 del codice di procedura penale una persona non può essere processata due volte per gli stessi fatti.

Io e le altre persone che hanno contestato le politiche demagogiche e razziste del leader leghista nel maggio 2015 lo hanno fatto alla luce nel sole e nel rispetto dei diritti costituzionali. Non abbiamo niente da nascondere e non ci faremo intimidire. Se ci dovesse essere un nuovo processo, siamo sicuri che anche nel merito riusciremmo a dimostrare l’estraneità ai capi di accusa tuttavia si tratterebbe sicuramente di un’azione arbitraria che costerebbe soldi all’intera collettività e che farebbe perdere ulteriore tempo alla magistratura che potrebbe spenderlo in cose ben più serie. Mi piacerebbe, infine, sapere a che punto sono le indagini per i leghisti che hanno minacciato il giudice che ha emesso la sentenza di assoluzione?

Mario Giannelli

Portavoce Repubblica Viareggina

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Diverse migliaia di comunisti in piazza contro il governo Conte.

Una fiumana di bandiere rosse, sabato 5 ottobre, ha attraversato le vie di Roma. I militanti del Partito Comunista e del Fronte della Gioventù Comunista hanno manifestato contro il governo Conte sostenuto da PD, M5S, LeU e Italia Viva. Un governo che proseguirà le politiche antipopolari in favore della finanza e delle grandi imprese. Un governo dei poteri forti, delle banche, dei mercati, dell’Unione Europea, della Confindustria con il sostegno esplicito degli Stati Uniti, della Nato, del Vaticano. Marco Rizzo e i suoi hanno le idee chiare.
Non sarà questo governo a fermare la crescita della Lega e della destra, i cui provvedimenti reazionari, repressivi e razzisti hanno giustamente destato sdegno e grande preoccupazione in ampi settori delle classi popolari. Chi crede che l’alternativa a una destra nazionalista possa essere il governo diretto dall’Unione Europea si illude e fa il gioco della destra. Alla fine in piazza erano diverse migliaia nonostante televisioni e giornali non abbiano dato il giusto risultato ad una mobilitazione che ha visto partecipare anche diversi militanti provenienti dalla Versilia e dalla Toscana come da tutto il resto d’Italia.

Posted in Senza categoria | 1 Comment

La solidarietà è un’arma. Sfratto rinviato a Torre del Lago.

Stamane 7 ottobre una madre con la propria bambina di 7 anni rischiava di finire in mezzo ad una strada a Torre del Lago ma un picchetto antisfratto promosso dalla Brigata Mutuo Sociale per l’Abitare, da AS.I.A. con l’appoggio anche di Repubblica Viareggina è stato rinviato a metà dicembre. La signora dopo aver perso il lavoro si è trovata in una condizione di morosità incolpevole. Il rinvio alla metà di dicembre permetterà a lei di avere del tempo per organizzarsi. Purtroppo casi come questi sono sempre più frequenti in una città dove tutto sembra andare alla malora. La solidarietà è un’arma importante da usare e noi saremo sempre al fratto degli sfrattati ma servono anche risposte politiche sui temi sociali. Serve un piano casa, che questa amministrazione non ha mai voluto approntare.

AS.I.A./USB

Brigata Mutuo Sociale per l’Abitare

Posted in Senza categoria | Leave a comment

“Rivogliamo lo stadio.” Striscione esposto dalla Curva Est al Palasport.

Dopo la vittoria del CGC Viareggio a Bassano, l’hockey è tornato al Palabarsacchi per la seconda giornata di campionato tra CGC Viareggio e Trissino finita con il punteggio di 4 – 4
Prima della partita la Curva Est ha organizzato una grigliata fuori dal palasport. Dentro come al solito grande tifo. In curva è stato appeso uno striscione: “Rivogliamo lo stadio!” Dopo la grande mobilitazione de “La Viaregio Ultrà” in città numerosi sono adesivi, striscioni e volantini appesi dai tifosi del calcio anche i tifosi dell’hockey su pista hanno voluto ribadire che lo stadio è un bene di tutti e che va rimesso a norma.

Posted in Senza categoria | Leave a comment