Giovedì grasso al Varignano

16809437_10207782367866388_847739923_n

Anche al Varignano c’è voglia di festeggiare il carnevale per il giovedì grasso. Il Cantiere Sociale e l’Officina Dada Boom hanno promosso per il 23 febbraio una giornata ricca di eventi carnevaleschi. Inizio ore 15 con la parata in via Lenci dove sfileranno “i mi carri”, prima edizione. Poi a seguire in piazza donatori di sangue ci sarà intrattenimento a cura della Ludoteca “Indiani del Quartiere” alle 19 presso il cantiere sociale in via Belluomini aperitivo con delitto a seguire veglione mascherato.

Dopo il successo della befana si tratta di un altro esperimento di aggregazione per costruire dal basso la partecipazione. Qui a seguire il video di Officiba Dada Boom che mostra alcune opere in costruzione.

Concorso il MI’ CARRO

Posted in Senza categoria | Leave a comment

ARCI e Fahrenheit 451 presentano “La libertà è come un colpo di tacco”

16809846_10207624141674230_78532336_n

Mercoledì 22 febbraio alle ore 18.00 presso Il CRO Darsene in via Coppino si terrà la presentazione del libro “LA LIBERTÀ È COME UN COLPO DI TACCO” che racconta della “rivoluzione” che mise in atto Socràtes con la sua “Democratia Corinthiana” che dette una spallata decisiva alla dittatura brasiliana.

L’evento è organizzato dal Comitato ARCI Lucca-Versilia e dall’Associazione Fahrenheit-451 L’autore del libro Riccardo Lorenzetti sarà presentato dal giornalista sportivo e blogger Simone Pierotti. C’è un calcio che non è fatto solo di isterici risultati a tutti i costi, di statistiche, di gol fatti e subiti, di vittorie e di sconfitte, di sponsor milionari e tatuaggi, ma anche di storie e personaggi che partendo dal prato verde finiscono per diventare simboli e portavoce di un mondo (forse) addirittura migliore. Questo è il calcio che racconta Riccardo Lorenzetti, nel suo libro che porta la prefazione di Federico Buffa. Questa è la storia di uno dei personaggi più fuori dal coro e rivoluzionari dell’intero campionario di mostri sacri della pedata, il leggendario Sócrates Brasileiro Sampaio de Souza Vieira de Oliveira, per tutti solo e soltanto Sócrates.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Repubblica Viareggina: “Del Ghingaro e la sua maggioranza perdono i pezzi”

index

L’amministrazione Del Ghingaro continua a perdere pezzi ma il sindaco fa finta di non accorgersene. Dopo il suo secondo insediamento ad abbandonare la compagine di governo è stata una figura importante come l’assessora alla creatività Rossella Martina. Poi abbiamo assistito alla pesante polemica tra Fabrizio Miracolo e il consigliere Giuseppe De Stefano, un qualcosa che è apparso sia tragico sia comico ma per niente educativo. La settimana scorsa ad abbandonare è stata la presidente di SEA Risorse, alice Lepore, che dopo essersi dimessa ha dichiarato che il suo più grande errore è stato sostenere Giorgio Del Ghingaro. Negli ultimi giorni c’è stata l’ufficialità del passaggio all’opposizione del consigliere comunale Stefano Pasquinucci, persona che in tanti stimano e apprezzano per la sua serietà e il suo attaccamento alla città, e forse gli addii non sono terminati. Appare, quindi, evidente che la maggioranza che amministra la città è, ogni giorno, sempre meno maggioranza e che in molti che hanno sostenuto l’esperienza di Del Ghingaro sta emergendo il disincanto per le promesse che non sono state mantenute. La città ha enormi problemi da quello abitativo a quello dei rifiuti, dalle partecipate alla cattiva trasparenza della cosa pubblica, solo per citarne alcune. Secondo noi, di Repubblica Viareggina, Viareggio avrebbe bisogno di un cambio radicale di direzione di marcia. Per questo noi ribadiamo la nostra ferma opposizione a queste politiche dannose e lavoriamo per costruire una reale alternativa a questa giunta che non fa gli interessi della città.

Repubblica Viareggin

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Un San Valentino diverso grazie alle Donne in Cantiere

WP_20170214_20_49_00_Pro

Bellisima iniziativa quella promossa dalle Donne in Cantiere per San Valentino dove sono state lette poesie e intonati canti. C’è stato anche un ricco buffet per raccoglere fondi per le donne in difficoltà che si rivolgono allo sportello delle Donne in Cantiere. Un San Valentino diverso fuori da mercificazione e retoriche comuni.

Romanticamente…. San Valentino.
In nome dell’amore crediamo che per amare bisogna soffrire, che la gelosia sia sinonimo di amore e che la passione sia fondata sulla tensione dell’eterno conflitto.
In nome dell’amore ci consegniamo totalmente all’altr* chiedendone la stessa resa…
In nome dell’amore vietiamo, inganniamo, possediamo, escludiamo…
In nome di questo amore, fatto di magia, di estasi e dolore, di amori eterni e di anime gemelle, crediamo ai principi salvatori e alle principesse da salvare…
In nome dell’amore crediamo alla dipendenza gli uni dagli altri, alla divisione dei ruoli, alle gerarchie di affetto, ai privilegi di genere e alla proprietà privata; esaltiamo il mito dell’amore eterosessuale, quello del matrimonio e della monogamia.
In nome dell’amore mostriamo soprattutto il nostro lato peggiore, quello oscuro, inconfessabile: come l’egoismo, la paura, l’insicurezza, il desiderio di possesso, di dominio e di vendetta, fino ad arrivare all’estrema conseguenza…
In nome dell’amore obblighiamo i/le nostr* figli* ad assistere ad atti di violenza e, nei fatti, insegniamo loro a riproporla e a ri-subirla.
In nome dell’amore negli ultimi 16 anni (2000/2016) le donne uccise, (solo in Italia), sono state 2850, circa, di cui gran parte in ambito familiare.
In nome dell’amore questi femminicidi ce li vendono come “crimini pas-sio-na-li”.
Noi sappiamo che questo mito dell’amore romantico, come modello ideale, ci viene venduto dalle religioni e dalle aziende culturali sotto la supervisione del patriarcato e del capitalismo.
Questo mito deve essere sfatato, abbattuto!
In nome di un AMORE LIBERATO

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Il Circolo Caprili di Rifondazione al fianco dei colpiti dai decreti penali di condanna

prc

Il Circolo Caprili di Rifondazione Comunista esprime la massima solidarietà e vicinanza ai compagni colpiti nuovamente dai Decreti Penali di Condanna, per l’occupazione di un edificio demaniale in Darsena nel 2013: “Ancora una volta ci troviamo a contrastare questo gesto repressivo indirizzato ai compagni che cercano di riconquistare e di valorizzare degli spazi abitativi dimenticati in condizioni fatiscenti. Quello della repressione rimane uno dei peggiori aspetti che lo stato riesca a mostrare in questi tempi incerti ed è spesso esercitato in maniera lenta e grossolana, come dimostrato da questi Decreti che vanno a colpire anche un giornalista che era presente nel luogo dell’occupazione semplicemente per svolgere la propria professione. Siamo soddisfatti di sapere che gli interessati si sono giá attivati per le pratiche di ricorso e a loro va la nostra stima e il nostro appoggio”.

 

 

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Decreti Penali di condanna a 9 militanti di Viareggio e Lucca per un’occupazione del 2013

download

Sono arrivati a nove compagni di Viareggio e Lucca dei decreti penali di condanna per un reato avvenuto nell’ottobre del 2013. Si contesta l’occupazione di una casa. Oltre alla lentezza dell’azione della magistratura è bene sottolineare come molte delle persone identificate mai entrarono in quella casa ma si limitarono a solidarizzare fuori. Si tratta, quindi, di una condanna a chi esprime solidarietà. Tra i condannati anche un giornalista che allora scriveva per Il Tirreno e che si trovava sul posto solo per fare il proprio lavoro. Tutto ciò conferma, se ancora ce ne fosse bisogno, del modo maldestro e confuso col quale si muovono gli apparati repressivi dello stato. Nonostante le condanne siano irrisorie con cifre tra le 150 e le 300 euro tutti gli imputati hanno annunciato ricorso. Proprio in questi giorni tra Massa e Viareggio una serie di compagni si è riunito per discutere di repressione e nella fattispecie degli odiosi decreti penali di condanna che condannano senza che l’imputato possa difendersi in un regolare processo. A breve seguiranno iniziative.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

L’artista Lozzo ha un sogno su Moretti

16406792_1846671952256620_6545706205664836305_n

Lozzo, il writer che con le sue opere fa discutere è tornato a colpire e lo ha fatto con il suo consueto stile. Nei pressi della ferrovia su di un muro è apparso un disegno, realizzato con estencil, raffigurante l’ex amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Mauro Moretti recentemente condannato a sette anni per la strage ferroviaria del 29 giugno 2009 a Viareggio. Moretti con tanto di palla da carcerato e la scritta “welcome to Siberia” rappresenta il sogno dell’artista ma ci sentiamo di dire che tanti viareggini e  tanti italiani condividono questo sogno con l’artista di strada.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

A Poche ore dall’inizio del carnevale ecco le condizioni di Piazza Mazzini

WP_20170129_23_03_06_Pro

A poche ore dall’inizio del Carnevale di Viareggio le condizioni in cui si presenta Piazza Mazzini sono veramente pessime. Marciapiede rotto, buche nel terreno, asfalto sconnesso. Ci chiediamo cosa abbia fatto l’amministrazione in questi ultimi mesi? Ci chiediamo come sia possibile che mentre montavano il palco non si siano accorti delle condizioni in cui si trova la piazza? Del Ghingaro dove è finito? Ma forse per rimediare a lui bastano cinque minuti con un miracolo?

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Presidio e corteo a Viareggio in solidarietà con i lavoratori di Napoli investiti da un pirata della strada

WP_20170202_18_38_42_Pro

A Napoli ad un presidio di lavoratori un BMW non si ferma al blocco stradale e ferisce due lavoratori dopo che finiscono sul cofano della macchia. Un terzo insegue il pirata della strada e muore dopo un infarto. Ancora una volta la lotta dei lavoratori si macchia di sangue a causa di edonismo, egoismo, individualismo se non addirittura come avvenne a Piacenza per crumiraggio.

Spontanea e immediata la reazione di solidarietà a Viareggio, dove il coordinamento in difesa delle lavoratrici Dussmann e i COBAS hanno indetto un presidio davanti al municipio che si è trasformato, poi, in un piccolo corteo nelle strade del centro cittadino a cui hanno partecipato anche militanti di altre realtà sociali e antagoniste cittadine.ietà

Video corteo in solidarietà con i lavoratori 

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Trenitalia sponsor del carnevale e la città giustamente si indigna

16507058_10211904061777643_1641117966_n

Prima la Fondazione Carnevale fa un accordo con Trenitalia, che offende l’intera città dopo la sentenza di condanna dell’azienda al processo del 31 gennaio scorso. Poi la presidente Marialina Marcucci, dopo l’indignazione della città e la presa di posizione di Marco Piagentini presidente dell’associazione “Il Mondo che Vorrei” annuncia un dietrofront che andrà verificato. Tra le varie prese di posizione riportiamo qui sotto integralmente quella di Repubblica Viareggina

All’indomani della sentenza che vede condannare Mauro Moretti ex A.D di R.F.I a sette anni di reclusione per omicidio colposo plurimo aggravato e strage ferroviaria, all’indomani delle dichiarazioni inopportune del sindaco Giorgio Del Ghingaro, all’indomani dell’amarezza che ha lasciato questa vicenda e con il dolore ancora vivo, la città di Viareggio si trova a dover di nuovo sbattere la faccia contro l’inadeguatezza e la mancanza di sensibilità di chi amministra questa città e il nostro carnevale. Appare in Piazza Mazzini uno striscione che riporta il nome di uno degli sponsor della manifestazione che a giorni avrà inizio. Il nome Trenitalia, continua ad aleggiare sulla nostra città in forme diverse ma sempre oltraggiose e in questo caso come promotore di uno degli eventi nazionali di maggior visibilità, passando quasi come benefattrice e non come invece ha dichiarato la sentenza di primo grado del 31/01/2017, diretta interessata della strage ferroviaria nella figura di M.Moretti. Come Repubblica Viareggina ci teniamo a sottolineare la nostra totale indignazione. Ancora una volta i profitti sono più importanti delle vite umane. Una scelta inadeguata che ha già scatenato l’ira di tantissimi Viareggini che si sono sentiti ancora una volta insultati dall’ennesima scelta sbagliata, l’ennesima cosa priva di sensibilità, ma ricca di strafottenza e prepotenza. Chiediamo le dimissioni della Presidente Marcucci, ricordandole che in questa città i morti valgono molto di più dei soldi che l’azienda ha sborsato per provare a ricostruirsi una verginità. Ricordiamo alla Presidente che questa città non ha nessuna intenzione di fare affari con certe aziende a cui converrebbe piuttosto, investire questi soldi in sicurezza!!! “…perché sono tanti e sono pure tanto ricchi e potenti e sfacciati maledetti siano loro e chi cazzo li ha creati, avidi assassini senza scrupoli che intascano un miliardo ogni due mesi e si permettono di parlare di taglio alle spese e ai contributi i bastardi fottuti, figurati se ci hanno orecchie per sentire chi gli parla di riduzione dell’orario di lavoro per loro se dopo otto ore di lavoro sei stanco, fai una cazzata e muori è un peccato e manco per la tua vita quanto per la pensione che hanno cacciato e comunque hanno risparmiato rispetto all’assunzione di nuove persone a pieno salario è questo lo straordinario obbligatorio chi vola alle Bahamas e chi va all’obitorio e dovremmo pure dirgli grazie perché offrono lavoro…”

Repubblica Viareggina per i beni comuni

Posted in Senza categoria | Leave a comment