Finalmente Zaki è libero. Manifestazione anche a Camaiore.

Finalmente dopo ventidue mesi di carcerazione preventiva e totalmente arbitraria, Patrick Zaki è stato scarcerato. Si tratta di una importante battaglia vinta ma non della vittoria della guerra, perché il regime egiziano mantiene i capi di accusa sulla sua testa. La pressione internazionale, di sicuro più di attivisti che dei governi, ha portato a casa un primo risultato. In Italia erano previste per il 7 dicembre ben oltre 50 appuntamenti in varie piazze in altrettante città. A Camaiore promosso da Amnesty International si è svolto un piccolo corteo cittadino che partito da Piazza DIaz ha raggiunto il municipio in Piazza San Bernardino. Presenti diverse decine di attivisti riconducibili a forze di sinistra. E’ intervenuto l’avvocato Aldo Lasagna del PD, che ha ricordato come molte altre persone in giro per il mondo siano detenute ingiustamente e di come bisogna pretendere che il governo egiziano faccia luce sulla vicena di Giulio Reggeni. Assente il sindaco di Camaiore Alessandro Del Dotto presente invece la nuova sindaca di Massarosa Simona Barsotti.

Libertà per Zaki giustizia per Reggeni è lo slogan che attraversa mezza Italia. Purtroppo il governo italiano è stato molto timido con il governo egiziano che è bene ricordare che sta in piedi grazie ad un golpe appoggiato dagli USA.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Il Cantiere Sociale Versiliese interviene sulle residenze negate dalc omune di Viareggio.

“Nonostante i ristori e le misure economiche messe in campo dai governi negli ultimi due anni, la pandemia di Covid-19 ha avuto pesantissime ripercussioni sociali sulle fasce più deboli della popolazione. Mentre l’ondata di licenziamenti susseguitisi dopo lo sblocco del giugno scorso ha avuto un’eco mediatica notevole, l’altrettanto grave emergenza abitativa, in realtà già in essere prima della crisi pandemica, è largamente sottaciuta e ignorata. Anche a Viareggio e in Versilia, sono decine gli sfratti per morosità in essere e non vediamo purtroppo nessun piano, nessun tentativo da parte delle amministrazioni comunali di far fronte a questa nuova ondata di emergenza abitativa. In particolare c’è una questione su cui sarebbe assolutamente urgente un intervento da parte del Comune di Viareggio: quello della residenza. Ad oggi infatti, l’ufficio anagrafe non concede più a chi ne fa richiesta della residenza fittizia in Via dei Vageri. Questo, per le decine di famiglie in emergenza abitativa, ha pesantissime ripercussioni. Senza la residenza infatti non è possibile rinnovare i documenti d’identità, non è possibile avere un contratto di lavoro né accedere agli ammortizzatori sociali come il Reddito di Cittadinanza. E soprattutto, visto il contesto in cui stiamo vivendo, non può accedere al Servizio Sanitario Nazionale. In poche parole, senza la residenza queste famiglie sono dei veri e propri fantasmi inesistenti per le istituzioni, e quella che potrebbe essere una temporanea fase di difficoltà economica rischia di trasformarsi così in una rapida discesa nella indigenza assoluta.Per tutto ciò, il Cantiere Sociale Versiliese si unisce all’appello lanciato dai sindacati e dai movimenti di lotta per la casa, affinché l’amministrazione comunale affronti quanto prima la problematica della residenza per dare un sostegno concreto a chi più ha bisogno. Il Cantiere Sociale Versiliese sosterrà tutte le iniziative di lotta e mobilitazione che verranno messe in campo per il diritto all’abitare di tutte e tutti.”

Cantiere Sociale Versiliese

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Presentati a Viareggio, dal CLA, gli atti del convegno su “Sicurezza, salute e obbligo di fedeltà.”

Domenica 5 dicembre alle ore 10.30, presso il luogo della ‘Memoria e Solidarietà” recentemente inaugurato al Varignano, si è svolta a cura del Coordinamento Lavoratori/Lavoratrici Autoconvocati (CLA) per l’unità della classe la presentazione degli atti del convegno tenuto il 26 settembre scorso a Firenze sul tema della “sicurezza, salute, obbligo di fedeltà – repressione padronale e di stato”. Il convegno è stato un momento alto di studio e approfondimento che vide la partecipazione di familiari di stragi e morti sul lavoro, Rsu e Rls colpiti dalla repressione perchè attivi nella lotta, di avvocati, lavoratori e militanti politici. Quel convegno ha prodotto degli atti importanti che sono stati presentati, appunto la scorsa domenica a Viareggio.

La discussione è stata intensa e ricca di interventi piena di spunti. Presenti i familiari della strage del 29 giugno che hanno ricordato la vergognosa sentenza emessa dalla cassazione. Gli intereventi si sono concentrati sull’importanza di non lasciare alla spontaneità le lotte ma di coordinarle. Anche Memoria e solidarietà vanno organizzate all’interno di un percorso che lavori allo siluppo della coscienza e dell’unità della classe.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Rifondazione Comunista e Potere al Popolo saranno assieme alle prossime elezioni di Camaiore.

Sarà coalizione di sinistra e candidato sindaco unitario: questo è quanto emerso dai numerosi incontri che si sono svolti nei giorni scorsi a Camaiore tra Rifondazione Comunista e Potere al Popolo.
Le due forze politiche hanno trovato un’intesa attorno ad una bozza di programma incentrata sulla difesa dei beni comuni, della sanità e del lavoro; nonché su un forte rilancio delle politiche pubbliche in materia di sociale e partecipazione popolare, in particolare giovanile.
Nelle prossime settimane inizierà il lavoro di stesura del programma amministrativo, tenendo anche conto delle istanze provenienti dalle frazioni camaioresi e del mondo associativo e sindacale, con cui è in fase di organizzazione un ciclo di incontri; sarà inoltre deciso il nome che guiderà la coalizione alle elezioni comunali della primavera 2022.

Partito della Rifondazione Comunista – Circolo di Camaiore
Potere al Popolo Camaiore

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Negato il green pass ad un immigrato nonostante due dosi di vaccino. Non può sposarsi.

“C’è chi il green pass non lo vuole e chi, avendone diritto, non lo può avere.Succede anche questo nella confusa gestione della pandemia da parte delle istituzioni. Un utente dello sportello medico popolare ci ha segnalato che essendo straniero, extracomunitario, in attesa dei documenti per contrarre matrimonio in Italia, pur avendo ricevuto due dosi di vaccino, secondo le direttive della regione Toscana non può avere il green pass in quanto non possiede la tessera sanitaria. Questo significa che non può recarsi al consolato a Roma per firmare i documenti che gli servono per sposarsi, né, tantomeno, lavorare o spostarsi come qualsiasi altra persona che si è vaccinata. Pensiamo che come lui ci siano altre e altri stranieri o persone senza fissa dimora che non hanno accesso al green pass pur avendone diritto. Troviamo questa discriminazione inaccettabile, visto che si tratta di uno strumento che viene considerato necessario alla contenzione del virus e che l’esserne privi comporta pesanti restrizioni all’esercizio della propria libertà.Come sportello medico popolare non abbiamo ancora trovato una soluzione a questo problema ma, convinti che l’unione fa la forza, invitiamo chi si trova nella stessa situazione a recarsi allo sportello il martedì dalle 18.00 alle 20.00, presso il Cantiere Sociale Versiliese in via Belluomini 18, oppure a chiamare il numero 388199098, per cercare collettivamente una risposta che garantisca la tutela della salute e i diritti di tutte e di tutti.”

Sportello Medico Popolare di Potere al Popolo

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Gli studenti dello Stagio Stagi di Pietrasanta stanno coi lavoratori della GKN.

“Nonostante la grande crisi dovuta alla scoppio della pandemia la GKN Automotive non si è fatta scrupoli a consegnare le lettere di licenziamento alle 422 persone impiegate nello stabilimento fiorentino. Il Collettivo di Fabbrica GKN, l’organizzazione operaia all’interno dello stabile, ha dimostrato in questi mesi che si può resistere, che si può occupare una fabbrica per mesi, creare una rete di solidarietà alla quale oggi si uniscono anche gli studenti dello Stagio Stagi. Perché di fronte alla nuova procedura di licenziamento bisogna rafforzare la solidarietà e la collaborazione tra operai e studenti. L’esperienza del Collettivo di Fabbrica GKN ci sprona ancor di più a proseguire la nostra battaglia per una scuola dignitosa, che garantisca a tutti un percorso di studi legato alla realtà del Liceo Artistico. Per questo oggi esprimiamo la nostra solidarietà al Collettivo di Fabbrica GKN #INSORGIAMO”

Gli studenti del Liceo Stagio Stagi

Tale condotta è la dimostrazione di come gli studenti siano diventati, attraverso tante esperienze, più maturi e più coscienti. Per queste ragioni continueremo a sostenere questa battaglia portata avanti dagli studenti.

Duccio Checchi- segretario Fronte della Gioventù Comunista Versilia

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Il compleanno di Dada Viruz, il 4 dicembre al Cantiere Sociale.

“Doveva svolgersi lo scorso 13 novembre al Parco Pitagora il quindicesimo compleanno di Dada Viruz Project ma causa mal tempo è stato rinviato a sabato 4 dicembre al Cantiere Sociale Versiliese. Quindici anni del blog di informazione anticapitalista “Dada Viruz Project”. Quindici anni fuori dal coro che saranno festeggiati assieme a chi in questi anni ha avuto la possibilità di esprimersi contro il potere. Si parte alle 16.30 con interventi di comitati, associazioni e gruppi sociali e politici. Ci saranno performance, reading, poesie, interventi e tanta musica con DI Baba, Michael Buonumore, Reza e Drega (Rap Pirata Toscana) Sarà inaugurata la nuova sede di Dada Viruz Project che però non sarà al Cantiere Sociale ma sarà mobile (questa è una sopresa) che sarà svelata domani. L’evento prevede inoltre fuochi di artificio, apericena e torta con spumante e molte altre sorprese. non mancate.”

Dada Viruz Project

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Striscione per il diritto alla residenza sul “Matteotti Occupato”.

La Brigata Mutuo Sociale per l’abitare ha da tempo lanciato un allarme sulla residenza. Purtroppo a Viareggio sempre più persone perdono la residenza con tutti i diritti ad essa connessi. Intanto al Matteotti Occupato è stato stato appeso uno striscione “Resistenza per la Residenza.”

Posted in Senza categoria | Leave a comment

La protesta allo Stagio Stagi di Pietrasanta era inevitabile, per il Fronte della Gioventù Comunista.

“LA PROTESTA ERA INEVITABILE”
Una dimostrazione da parte degli studenti era inevitabile. Le condizioni del Liceo Stagio Stagi è precaria da tanti anni e la pandemia ha complicato la situazione. Abbiamo ritenuto comico il comportamento delle forze dell’ordine, le quali hanno invitato gli studenti ad organizzare un corteo solo quando ormai la scuola era stata occupata. Il tutto per impedire agli studenti questa estrema forma di protesta. Ciò che gli studenti stanno portando avanti è più che legittimo in quanto dalle istituzioni, in questo caso dalla Provincia di Lucca, non giungono mai risposte per un vero piano di riqualificazione della struttura dello Stagi. Forse qualcuno l’ha dimenticato ma sono almeno 20 anni che gli studenti tirano la giacchetta alle istituzioni competenti e la situazione non si è mai risolta. È consono dunque non condannare l’atto degli alunni che si organizzano per portare avanti questa protesta, ma rivolgere le prorpie attenzioni verso coloro che non si sono impegnati a valorizzare un patrimonio come lo Stagio Stagi. Gli studenti hanno già spiegato di voler aprirsi alle altre realtà della Versilia, e come FGC diamo il nostro pieno appoggio e contributo a questa battaglia che da decenni viene portata avanti per una scuola dignitosa.”

Duccio Checchi- segretario Fronte della Gioventù Comunista Versilia

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Articolo 1: “Asse di penetrazione e ciclovia alla Lecciona sono cavalli di battaglia obsoleti di questa amministrazione.”

“Nei giorni scorsi sui media sono tornati all’ordine del giorno due dei cavalli di battaglia, anche se decisamente obsoleti, dell’amministrazione comunale di Viareggio in materia di viabilità e infrastrutture: l’asse di penetrazione e il tratto della ciclovia alla Lecciona.

A leggere le notizie e alcune dichiarazioni sembra che da parte della Regione siano già state prese delle decisioni in merito al tracciato sulla Lecciona, addirittura che già siano state date delle indicazioni chiare al ministero, così come lo studio di fattibilità sull’asse a sud dello stadio, senza che si siano interpellati gli organi competenti, quali il consiglio regionale o l’ente Parco Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli. 

Ci auguriamo che presto arrivino delle smentite in merito a decisioni che verrebbero prese a scapito della cittadinanza e della tutela del nostro territorio e che ne pagherebbero conseguenze pesanti nell’ottica di un modello di sviluppo che impostato così è tutto meno che sostenibile.

Ma andando oltre questo e parlando concretamente di viabilità più efficiente, mobilità sostenibile e nuovi modelli di sviluppo sovvengono tutta una serie di quesiti in merito a quanto l’attuale amministrazione sostenga di aver fatto nell’ottica di fare il bene della collettività, compito principale di un’istituzione pubblica.

Partiamo dalle piste ciclabili, che ad oggi nel nostro tessuto urbano si limitano a 2-3 tratti di pochissimi km e di cui si sente maggiore necessità di un ampliamento di queste per collegare i quartieri di periferia con il centro e la darsena così come con altri tracciati di lunga percorrenza con i comuni limitrofi, in tutto questo negli ultimi 6 anni quante nuove piste ha realizzato l’amministrazione oltre le chiacchere sulla pianificazione? Evidentemente nessuna e per soggiacere a questa mancanza si pensa a scavare 40 cm e mettere dello stabilizzato di cava in una riserva naturale con motivazioni ridicole.

A questo si aggiunge la totale mancanza di un ragionamento logico nel rendere più fruibile la mobilità nella zona della Darsena, dove si valuta un solo progetto, con un impatto ambientale devastante per la Pineta di Levante, senza che però se ne comprenda l’utilità, oltre che senza aver risolto una serie di contenziosi per la realizzazione del secondo lotto della fantomatica via del Mare. Veramente si pensa che alle aziende della Nautica e ai turisti che passano dal cavalcavia delle darsene cambierebbe qualcosa se piuttosto non si intervenisse sulla viabilità esistente? Veramente si crede che ci sarebbe un maggiore sviluppo nell’area dei cantieri della Darsena viareggina con l’asse a Sud?

È piuttosto evidente che ci sono altri interessi che con il bene della collettività hanno poco a che vedere.

Viareggio e Torre del lago non meritano questo, non ci sarebbe nessuna valorizzazione del territorio o miglioramento della viabilità se questi scempi di progetti andassero in porto. La città merita piuttosto altri tipi di proposta progettuale, che tenga insieme esigenze di miglioramento della viabilità con la tutela e la valorizzazione delle nostre ricchezze naturali e un maggiore sviluppo per una vera mobilità sostenibile. Un lavoro concreto che le forze politiche progressiste della città, quelle che realmente e convintamente hanno l’ecologia nel proprio DNA, dovranno seriamente sviluppare e promuovere.”

Marco Corsetti Segretario di federazione Articolo Uno Versilia

Posted in Senza categoria | Leave a comment