Riuscito e partecipato il dibattito alla festa dei Partigiani Sempre promosso dai “No asse”

Si è svolta sabato 11 agosto presso la festa dei “Partigiani Sempre” in pineta di Levante, proprio da dove dovrebbe passare l’asse di penetrazione, un’importante iniziativa promossa dal comitato salviamo la pineta e dagli inquilini della palazzina a rischio abbattimento di via Indipendenza. Il dibattito ha visto protagonisti il dottor Domnici e l’architetto Dalle Mura di Italia Nostra e la partecipazione di oltre una sessantina di persone che hanno ribadito come l’asse non solo non sia necessario alla nautica ma di come sia dannoso al parco e alla città tutta. Sono state espresse dai vari interventi dal pubblico varie critiche al nuovo piano urbanistico voluto dall’amministrazione. Importante la presa di posizione della FIOM CGIL che ha ribadito la sua contrarietà all’asse di penetrazione. Il dibattito ha durato per circa due ore ed è stato molto interessante.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

I comunicati di Repubblica Viareggina, Unione Inquilini e Cantiere Sociale contro l’approvazione del piano urbanistico

Mercoledì 8 Agosto, in una mattinata calda e afosa a Viareggio si è riunito il consiglio comunale per discutere di un tema estremamente importante, cioè il piano urbanistico che aprirà le porte al progetto speculativo dell’asse di penetrazione e alla cementificazione di alcuni spazi della nostra città che vedranno sorgere centri commerciali e palazzine. Palese era il tentativo di scongiurare l’ampia partecipazione della cittadinanza. Nonostante ciò molti cittadini si sono recati, lo stesso, in municipio per assistere allo svolgersi del consiglio e per protestare e far sentire il proprio dissenso in maniera silenziosa ed educata limitandosi all’esposizione di alcuni cartelli con scritto “ partecipazione zero” ma, il presidente del consiglio, Paola Gifuni, ha chiesto che questi venissero allontanati. Nel frattempo ad amici di alcuni consiglieri già noti per diverse posizioni ambigue è stato permesso di entrare esponendo tatuaggi con scritto “Dux” con fare palesemente provocatorio a pochi km da Sant’Anna e a pochi giorni dalla commemorazione della strage nazi fascista. Come organizzazione politica antifascista crediamo che permettere questo sia stato un atto gravissimo considerando anche la precedente votazione promossa da ANPI in cui il comune si impegnava a non cedere spazi pubblici a persone o organizzazioni vicine ai partiti fascisti. Si faccia chiarezza e il signor Del Ghingaro prima di progettare colate di cemento sulla città pensi a guardare bene che razza di soggetti si è messo d’intorno a rappresentare la nostra città. Con questo atto la giunta Del Ghingaro apre la strada a una speculazione edilizia senza precedenti. Il nuovo piano urbanistico cancellerà di fatto quel poco che rimane della Viareggio che fu. Ma sopratutto ancora una volta è venuta meno la politica partecipativa dei cittadini e dei soggetti che li rappresentano. Come Repubblica Viareggina siamo pronti a mobilitarci per contrastare questo scempio.

Repubblica Viareggina

Stamani eravamo presenti al Consiglio Comunale per l’approvazione del R.U che definirà le prospettive urbane della nostra città per i prossimi anni. Come sindacato Unione Inquilini non possiamo che essere estremamente preoccupati per quanto riguarda il metodo e il merito di progettazione del regolamento, eseguito senza consultazione alcuna con le categorie di settore e senza la partecipazione attiva della cittadinanza. Abbiamo sentito tante belle parole ed elogi all’amministrazione ma ci chiediamo come possa il Sindaco vantarsi di un progetto senza mai essere entrato nei quartieri periferici della città, senza aver mai avuto il buon senso di osservare con i propri occhi i quartieri “ghetto” di Viareggio, senza aver mai osservato le zone “degradate” recuperate dai movimenti di lotta. Lo stesso Sindaco che calpesta solo i salotti buoni della città, ma che non accetta critiche o consigli da parte di chi quelle aree le vive ogni giorno e si batte per il loro miglioramento sociale e abitativo.

L’urbanistica che abbiamo visto stamani, non incontra minimamente i disagi della stragrande maggioranza della cittadinanza che è in difficoltà abitativa, non prevede la riqualificazione degli immobili pubblici abbandonati ad uso residenziale pubblico ma solo ad uso privato. Non prevede né la salvaguardia né l’aumento di aree verdi dedicate ai quartieri del Varignano, non include il cittadino in un percorso di miglioramento urbano ma lo costringe ad una logica di città basata sui centri commerciali, sulla svendita del terreno pubblico per la speculazione privata e giustifica con la parola “progresso” lo spianamento burocratico e legislativo alle grandi opere, come l’asse di penetrazione. Loro vogliono più villette a schiera da far costruire ai grandi imprenditori dell’edilizia e agli amici degli amici, noi pensiamo che queste rimarranno invendute per anni come le case della FINEDIL e proprio perché siamo già consapevoli dell’inutilità di questo tipo di progettazione, bocciamo il regolamento urbanistico.

Mettiamo le persone al centro della rigenerazione urbana e non gli imprenditori e i grandi speculatori del cemento !!!   Esprimiamo anche sdegno e vergogna nel vedere la Polizia Municipale (sotto diktat del Presidente Gifuni) che vieta ai cittadini in Consiglio Comunale di mostrare in silenzio un cartellino appeso al collo con su scritto “zero partecipazione” ma permette agli amici del consigliere Troiso di entrare nel palazzo Municipale con scritte DUX sulle braccia!  Questo è lo spessore politico dell’amministrazione di Viareggio, vergogna.

Unione Inquilini Viareggio

Si è svolto lo scorso 8 agosto un consiglio comunale che ha approvato il nuovo regolamento urbanistico che rischia di sfregiare per sempre il volto della città. L’amministrazione, con i consigli comunali fatti di mattina, ha cercato di espellere la cittadinanza dalle decisioni importanti come quelle che riguardano ambiente, urbanistica e spesa pubblica. Lo stizzito atteggiamento del presidente del consiglio comunale verso chi esponeva cartelli che chiedevano partecipazione è solo l’ennesima conferma.

Una nuova colata di cemento, per nuove cattedrali nel deserto, si sta preparando all’orizzonte. Non bastava lo scellerato progetto dell’asse di penetrazione che devasterà il parco; si vuole perseverare con progetti deliranti come quelli di centri commerciali come se a Viareggio non ce ne fossero già abbastanza. Ancora una volta le periferie sono escluse e marginalizzate mentre in zone centrali della città si permette ai privati di saccheggiare il bene comune. Rispetto a queste politiche di selvaggio liberismo non ci meravigliamo se le opposizioni nicchiano o sono latitanti. L’impianto ideologico del PD e della Lega non sono molto diversi da quelli di chi amministra la città.

Un altro episodio, avvenuto ai margini di quel consiglio comunale, ci inquieta ed è il fatto che si siano presentati personaggi ambigui con tatuaggi richiamanti al duce e che avessero un atteggiamento amichevole verso un consigliere di maggioranza. Inutile che il sindaco Del Ghingaro elogi il Cantiere Sociale quando cancella frasi razziste dai muri e poi tolleri che uomini della sua maggioranza abbiano atteggiamenti ambigui con personaggi in odore di fascismo.

Cantiere Sociale Versiliese

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Iniziano i giorni della memoria e della solidarietà il mondo che vorrei

Da stasera 3 al 7 agosto di fronte allo stadio dei Pini, nella pineta di Levante – zona Darsene a Viareggi torna I “Giorni della Memoria e della Solidarietà” Incontri, dibattiti, spettacoli teatrali e concerti, promossa da “Il Mondo che vorrei” familiari della strage ferroviaria del 29 giugno 2009) La cucina è aperta dalle ore 20.00 Partecipare è un modo per sostenere concretamente chi lotta per avere verità e giustizia sulla strage di Viareggio.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Minacce di ignoti ad un operaio che scrive all’azienda e alla FIOM. In tanti solidali con lui.

Vittima di vessazioni e intimidazioni sul posto di lavoro, da parte di ignoti, Francesco “Merlo” Corrotti, ex candidato al senato per Potere al Popolo, ha deciso di scrivere ai vertici dell’azienda Benetti e per informazione anche alla FIOM. Franceso è un lavoratore giustamente stufo di essere preso di punta da persone imbecilli che sono arrivate persino a disegnargli una svastica sul metro. Solidarietà a “Merlo” è giunta dal partito della rifondazione comunista (PRC) di cui lui è responsabile lavoro

Nicolò Martinelli, segretario di federazione del PRC Versilia ha definito estremamente gravi questi episodi e ha auspicato che chi di competenza prenda gli opportuni provvedimenti a tutela della sicurezza di Francesco dentro e fuori il posto di lavoro. Martinelli definisce mafiosi questi atteggiamenti e ribadisce la solidarietà di tutto il suo partito.

In molti su facebook stanno esprimendo al al compagno Francesco la propria solidarietà.

Anche la nostra redazione si unisce convintamente al coro.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Diversi “No Asse” hanno partecipato al Festival “Alta Felicità” organizzato a Venaus dai No TAV

Si è svolto anche quest’anno, a Venaus, il Festival “Alta Felicità” che continua a riscuotere un grande successo. Successo riscontrato, non solo per la partecipazione di diverse migliaia di persone ma perché porta ricchezza ad una valle che resiste. Paradossalmente, ma poi neanche troppo, a portare ricchezza alla comunità valsusina è il movimento No TAV e non il folle progetto di bucare una montagna per farci sfrecciare dentro un treno.

Numerosi volontari hanno permesso che si potesse campeggiare liberamente in contatto con la natura e nel rispetto con essa, hanno organizzato passeggiate ed escursioni per la Valsusa in uno stretto rapporto tra natura, memoria e Resistenza. Numerosi sono stati i dibattiti e non solo sul tema dell’alta velocità. Inoltre grandi concerti gratis per tutte/i e cibo di qualità del territorio a chilometri zero e cucinato con passione.

Quest’anno, hanno partecipato al Festival “Alta Felicità” anche più di una decina di attivisti del Movimento “No Asse” di Viareggio appartenenti a diverse realtà politiche e sociali di Viareggio facendo conoscere le istanze di chi lotta contro l’asse di penetrazione a Viareggio ad un vasto movimento ambientalista che lotta contro la cementificazione e la speculazione attraverso l’unità popolare e la lotta dal basso.

Mentre le forze che sostengono il governo giallo- verde litigano sul futuro della tratta Lione – Torino tra il Movimento Cinque Stelle che dice di voler modificare alcune cose del TAV e la Lega che vuole, invece, andare spedita avanti nel compimento dell’opera. Il movimento  No TAV ha ribadito con compattezza la totale contrarietà all’opera che non deve essere modificata ma che non va in alcun modo costruita. La riuscita della quattro giorni e l’ampia partecipazione al corteo faranno aumentare, molto probabilmente, le contraddizioni all’interno dell’esecutivo Conte ma soprattutto ci dicono che il movimento No TAV è un movimento in salute, che non ha governi amici e che rivendica la sua piena autonomia. Un insegnamento, di sicuro, utile anche per i No Ase viareggini che vi hanno partecipato.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

La Brigata Mutuo Sociale per l’Abitare e il Matteotti Occupato chiedono “meno antenne e più case.”

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Molto partecipata la “pastasciuttata antifascista” dell’ANPI a Viareggio

Grande successo anche quest’anno per la “pastasciuttata antifascista” promossa dall’ANPI con la collaborazione del circolo Partigiani Sempre e dell’Istituto Alcide Cervi nella zona feste in pineta vicino allo stadio. Alle ore 18 c’è stata la presentazione del libro “diSegni Ribelli” di Milena Prestia e alle 20 tutti in fila per cenare e ricordare quella pastasciutta fatta a casa Cervi il 25 luglio del 1943 quando cadde il governo Mussolini e iniziava, di fatto, la Resistenza al nazifascismo. Tenere viva la memoria è importantissimo e la partecipazione e l’entusiasmo degli antifascisti viareggini s’è fatto sentire con cori e canti.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Potere al Popolo di Camaiore solidarizza con l’azione della Brigata Mutuo Sociale per l’Abitare

Come Potere al popolo di Camaiore esprimiamo apprezzamento per l’iniziativa promossa dalla Brigata Mutuo Sociale per l’Abitare che con la sua azione simbolica ha sottolineato come molti spazi pubblici e privati che potrebbero essere utilizzati per attività culturali, sociali o ricreative versano invece in totale stato di abbandono e incuria. Potere al Popolo di Camaiore si augura che almeno una parte di questi spazi sia recuperata e messa a disposizione della collettività.

Potere al Popolo Camaiore

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Banner Tour della Brigata Mutuo Sociale per l’abitare a Camaiore. “Basta Spazi in abbandono!”

Dopo il Banner tour dello scorso anno nel comune di Viareggio, quest’anno come Brigata Mutuo Sociale per l’abitare abbiamo deciso di ripeterlo nel comune di Camaiore. Abbiamo identificato alcuni stabili pubblici e privati lasciati in stato di totale abbandono e abbiamo deciso con striscioni e fumogeni di segnalarli all’attenzione dell’opinione pubblica e dell’amministrazione locale.

Siamo partiti dall’ex scuola di Montebello, stabile pubblico, sede in passato di un centro sociale e quindi di cultura, resistenza, socialità e arte e ormai murato da oltre 15 anni con un giardino tenuto in maniera indegna. E’ possibile che l’amministrazione di destra guidata da Bertola prima e quella di centrosinistra guidata da Del Dotto dopo non abbiano trovato il modo di utilizzarlo per la collettività?

Il Banner Tour ha proseguito poi a Lido di Camaiore denunciando altre tre situazioni di proprietà dei privati. L’ex Carosello sui quali vertevano progetti speculativi poi mai realizzati e l’ex edificio che per anni ha ospitato l’istituto magistrale vicino alle poste. Entrambi questi spazi sono in pieno degrado. Su entrambi è stato appeso lo striscione: “Basta Spazi in Abbandono.” L’ultima tappa del banner tour sono state le case costruite e mai del tutto completate in via delle Barbate. Lo striscione appeso qui sopra recitava “Troppe case senza gente troppa gente senza case.” La nostra è sola l’ennesima denuncia di come l’incuria e la mal gestione danneggino la comunità tutta. Ci piacerebbe che chi fa politica e gestisce il bene pubblico, gestisse meglio gli spazi pubblici e intervenisse a sollecitare anche i privati per come mantengono certi edifici

Brigata Mutuo Sociale per l’Abitare

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Prima uscita del Laboratorio contro la Repressione “Sacko” a Viareggio ricordati Aldrovandi, Franceschi, Giuliani e Sacko

Il Laboratorio Contro la Repressione “Sacko” ha fatto la sua prima uscita ufficiale, ieri 20 agosto, al quartiere Fontanini al Varignano di Viareggio. Il quartiere è stato scelto perché vi sono stati rinviati diversi sfratti. E’ stato distribuito un volantino che denuncia il clima di repressione che viviamo, anche per colpa della resistenza che le classi subalterne provano a mettere in piedi contro le classi dominanti responsabili alla crisi economica. Gli intenti del laboratorio sono 1)Costruire solidarietà di classe a chiunque sia colpito dalla repressione anche attraverso supporto legale e con cassa di resistenza di mutuo soccorso. 2)Fare una corretta denuncia e contro – informazione sulle azioni repressive. 3)Formare i militanti (studenti, lavoratori, immigrati, sfrattati, occupanti, ecc.) impegnati nelle varie lotte contro il padronato. 4)Avviare una attenta analisi politica sulla fase che stiamo attraversando.

Dopo la distribuzione del volantino ci sono stati diversi interventi politici e due reading uno tratto da un manoscritto di Franca Rame per la presentazione del monologo su Ulrike Meinhof e una lettera dal carcere di Maria Soledad “Sole”. C’è stato, inoltre, l’intervento di un avvocato che ha affrontato questioni più tecniche. Dopo un breve buffet c’è stata la proiezione del video “Solo Limoni” di Giacomo Verde. La data del 20 luglio è stata l’occasione per ricordare la mattanza di Genova 2001 e l’assassinio del compagno Carlo Giuliani. Sono stati ricordati anche Federico Aldrovandi che avrebbe compito 30 anni, proprio in questi giorni, se non fosse stato vigliaccamente ucciso da un pestaggio della polizia e il viareggino Daniele Franceschi morto nel carcere francese di Grasse.

Sono intervenuti nel dibattito anche compagne e compagni dell’Officina Dada Boom, del Collettivo Cineasta Comunisti, del CSOA SARS e del Cantiere Sociale Versiliese . Presenti anche militanti della Brigata Mutuo Sociale per l’abitare, del Partito Comunista dei Lavoratori, di Communia Versilia di Repubblica Viareggina e di PaP Camaiore.

Posted in Senza categoria | Leave a comment