Sicurezza sul lavoro: Interessante iniziativa a Viareggio del “sindacato è un’altra cosa – opposizione CGIL”

Il “sindacato è un’altra cosa – opposizione CGIL” ha promosso Lunedì 26 giugno alle ore 18.00 c/o la Circoscrizione Marco Polo di Viareggio un’interessante e partecipata assemblea nazionale sui temi della sicurezza, della salute e dell’ambiente alla quale hanno partecipato rappresentanti dell’associazione dei familiari delle vittime della strage di Viareggio, attivisti sindacali, delegati RSU e militanti dei movimenti di lotta per la salute nei luoghi di lavoro e sul territorio. L’introduzione è stata fatta da Serafino Biondo e le conclusioni sono state affidate a Riccardo Antonini. L’iniziativa ha ribadito che con la sicurezza non si scherza e che importanti sono ogni lotta e ogni momento di solidarietà verso i lavoratori che combattono per garantire sicurezza nei luoghi di lavoro. Causa principali di malattie, disastri, feriti e morti sono le logiche di profitto che i padroni mettono davanti alle vite dei lavoratori. L’iniziativa è stata pensata e progettata alla vigilia dell’ottavo anniversario della strage ferroviaria del 29 giugno, che anche quest’anno vedrà un corteo cittadino per commemorare le vittime e chiedere ancora verità e giustizia in attesa dell’inizio del processo di appello.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Unione Inquilini e Brigata Sociale Antisfratto riescono a fare rinviare uno sfratto a Bicchio ma l’amministrazione si svegli

Stamani, l’Unione Inquilini Viareggio e la Brigata Sociale Anti Sfratto, erano nuovamente in lotta nei quartieri, dentro la casa di una famiglia che con l’invalidità della moglie e la perdita del lavoro di suo marito, si son ritrovati impossibilitati a pagare l’affitto e a campare con una pensione di invalidità di circa 300 euro al mese. Il marito, grande e storico lavoratore nella cantieristica, ha dovuto chiudere l’azienda e versare gli ultimi soldi rimasti nelle rate dell’affitto, purtroppo un sacrificio che non è bastato a sopperire al caro vita e al caro affitti di Viareggio. Da e per tempo questa famiglia, insieme all’aiuto della figlia e del sindacato, si sono rivolti all’amministrazione comunale, la quale, fatta eccezione per la loro assistente sociale che si è dimostrata disponibile e collaborativa, è rimasta immobile di fronte ai problemi sociali dei propri cittadini. L’Assessore Tomei, che continua a rifiutare l’incontro con il sindacato, non ha mostrato ancora nessuna progettualità per fa fronte alla situazione di emergenza abitativa e le graduatorie definitive per le case popolari tardano ancora ad uscire. Insomma il 27 luglio, data a cui è stato rinviato lo sfratto, ci ritroveremo con questa famiglia, a difenderla nuovamente dalla sfratto e dalla strada, sperando che le graduatorie escano e che le case vengano immediatamente assegnate, invitato l’amministrazione comunale a pensare un po più ai problemi seri della città invece che alla propria immagine.
Unione Inquilini Viareggio
Brigata Sociale Anti Sratto

Posted in Senza categoria | Leave a comment

I COBAS sono scesi in piazza a Viareggio contro il lavoro nero

Si è svolto, sabato 24 giugno dalle 18 all 20 in piazza Margherita, un volaninaggio promosso dai COBAS a cui ha aderito anche il Cantiere Sociale Versiliese contro il lavoro nero e grigio. Per l’occasione è stato distribuito un vademecum con consigli pratici per invitare i lavoratori a difendersi dallo sfruttamento. Molte le persone che hanno preso il volantino incuriosite.

Il testo del volantino racitava: “Con l’arrivo dell’estate Viareggio e la Versilia, come ogni anno, vedrà popolarsi di migliaia di turisti. Per tanti di noi questo significa opportunità di lavoro per cercare di sbarcare il lunario con impieghi stagionali in periodi di crisi come quello che stiamo vivendo. Troppo spesso però i nostri diritti non vengono tutelati: lavoro nero e lavoro grigio sono purtroppo diffusissimi. Sabato 24 giugno abbiamo quindi deciso di scendere in piazza con un presidio volantinaggio per continuare la campagna contro il lavoro nero e diffondere informazioni utili su come poter difendere i propri diritti. È importante sapere come difendersi e sopratutto sconfiggere il senso di solitudine e frustrazione che attanaglia tante lavoratrici e lavoratori del turismo: è possibile unirsi, è possibile avere un sostegno e sopratutto è possibile far valere i propri diritti!

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Il cuore dei viareggini vince contro l’insensibilità dell’amministrazione. Saro avrà un medico.

Fortunatamente non tutte le storie finiscono male. La storia che avevamo portato a conoscenza lo scorso 8 giugno con un video intervista è andata a buon fine. Il merito è di una giovane e determinata giornalista della “La Nazione” Martina Del Chicca che ha ripreso il nostro video facendoci un articolo e dei dottori Enrico Petri e Pietro Coveri che lo hanno letto e non sono rimasti insensibili al problema. Nessun merito invece va a chi amministra questa città sempre più cinico e distaccato dai problemi delle persone e sempre più preso nelle politiche dell’apparire.
Rosario Rivillo, per noi Saro, senza residenza a Viareggio, perché abitante in una casa recuperata da un’occupazione di vecchi edifici lasciati in stato di abbandono dalle Fs, non poteva avere la residenza e conseguentemente non aveva il diritto al medico della mutua. Non avere la residenza, infatti, comporta la perdita di una serie di diritti da quello di voto, a quello di tenere un conto corrente postale, a quello di potere segnare i bambini a scuola, a quello di non poter avere il medico curante gratuito. Una volta anche per i senza dimora esisteva la famosa via dei Vageri una residenza fittizia che permetteva anche ai senza casa di non perdere dei diritti ma l’ottusa guerra contro i poveri portata avanti da chi amministra questa città ha fatto in modo che questa opzione venisse cancellata.

Fortunatamente l’umanità e la praticità di alcuni medici ha permesso che attraverso una certificazione e con la residenza a Milano possa avere il diritto al medico della mutua, nella nostra città dove di fatto vive, e possa quindi avere il diritto a vedersi segnare le medicine di cui ha bisogno.

E’ una storia che per il momento va a lieto fine grazie al cuore di alcuni viareggini non certo per merito di occupa il municipio. E’ una storia che ci insegna che a mobilitarsi e a denunciare le cose qualcosa si può sempre ottenere. Saro ha lottato per una casa e grazie all’autorganizzazione l’ha ottenuta. Saro ha lottato per avere un medico e grazie alla solidarietà di alcuni viareggini l’ha ottenuto. Adesso, Saro, continuerà a lottare per la sua salute contro la malattia che lo affligge. Facciamo lui i migliori auguri. Purtroppo siamo sicuri che altre persone sono nella stessa situazione perché la povertà è in continuo aumento nella nostra città e l’amministrazione invece di combattere la povertà ha deciso di dichiarare guerra ai poveri.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Repubblica Viareggina: Sandra Mei rassegni le dimissioni ma prima chieda scusa per i suoi tanti disastri

Chi cerca di sminuire la morte del pavone lo fa per difendere l’indifendibile assessora Sandra Mei. I suoi sostenitori affermano che Viareggio ha problemi più seri. Nessuno, di noi, lo nega. Ma l’incapacità di gestire un laghetto di animali nella pineta di Ponente è solo l’ultima goccia di un vaso, ormai, traboccante. La signora Mei da quando è stata nominata assessora, per volontà della senatrice Granaiola, si è contraddistinta per superficialità e pressapochismo. La ricordiamo, quindi, non solo per l’incresciosa morte del pavone, che comunque poteva essere evitata con un poco più di accortezza, ma per un elenco lunghissimo di disastri. La ricordiamo per i suoi dinieghi ad incontri con il sindacato degli sfrattati; per il suo ruolo nella chiusura della piscina lo scorso anno; per non avere dato risposte a famiglie che si sono viste cacciare in mezzo alla strada, nonostante avessero dei bimbi piccoli; per avere negato ai disabili di Massarosa gli ombrelloni sulla spiaggia, per avere negato il museo della marineria a chi portava avanti iniziative di carattere culturale come quella “Io vi porto la Luna”, ecc., ecc..

Il fallimento delle sue politiche al sociale e allo sport sono sotto gli occhi di tutti ma sono il fallimento di tutta la giunta Del Ghingaro che lascia che impianti sportivi come lo stadio Ferracci a Torre del Lago marciscano o che il centro congressi del “Principino” rimanga chiuso.

La politica di immagine è una politica effimera. Così mentre gareggia con Camaiore sulle ruote panoramiche perde lo scontro politico, proprio, con il sindaco del comune confinante. Di cattivo gusto ma soprattutto inutili sono stati gli endorsement per il candidato della destra camaiorese Giampaolo Bertola. Se invece di tutta questa supponenza si fosse ascoltato di più la cittadinanza oggi la situazione sarebbe, probabilmente, diversa. Come Repubblica Viareggina, pensiamo che sia giunto il momento di un bilancio critico e sarebbe un errore per l’attuale amministrazione, ma soprattutto un danno per Viareggio, continuare a giocare a nascondino. Pensiamo che l’assessora Mei dovrebbe rassegnare le dimissioni, magari chiedendo prima scusa alla cittadinanza tutta.

Noi come forza che parte dal sociale e crede nell’autorganizzazione continueremo a lavorare per costruire un’alternativa a questa pessima amministrazione.

Repubblica Viareggina per i beni comuni

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Cantiere Sociale: Mei e Del Ghingaro hanno fallito su tutto non solo sul pavone

Il fallimentare “modello di integrazione” dell’Assessore Mei per quanto riguarda la fauna locale, è lo specchio delle politiche fallimentari che questa giunta ha messo in campo fin al primo giorno di insediamento. La sconfitta della città vetrina è sotto gli occhi di tutti, mentre si esalta una rinascita della città, fatta di fiere nautiche per giustificare anche i famosi lotti mancanti dell’asse di penetrazione, come se il settore nautico fosse in ripresa, basta vedere il prodotto e l’invenduto dei “cantieri di punta”, ruote panoramiche e pavoni, il fallimento è sotto gli occhi di tutti. Il degrado che pervade la città e toccabile sulla pelle della gente, l’aumento della criminalità in crescita esponenziale, destabilizza i cittadini e le cittadine che vivono la città a 360° nella quotidianità, proponendo modelli di sviluppo che non faranno altro che incrementare una cementificazione sconsiderata e scellerata come modello di sviluppo. Basti pensare all’enorme centro commerciale che sta sorgendo nei pressi del quartiere Varignano, costruito di notte come i ladri, sicuramente appaltato alla solita ditta che con una contrattazione al ribasso, avrà ottenuto l’appalto. Una politica di facciata che non pensa alle necessità dei cittadini, che vede assegnare case a consiglieri comunali che per quanto ne sappiamo, hanno un passato fumoso fatto forse di compravendite di voti per delegittimare l’ex sindaco Betti e mettergli cosi i bastoni fra le ruote, a lui e a tutto il PD locale, vero? falso? ( non siamo noi a giudicare, ma ne prendiamo atto ) e dall’altra parte sgombera minori da casa a strada, pratica ILLEGALE non curandosi minimamente del futuro di questi bambini e dei loro genitori. Un assessore al sociale che per un gettone di presenza come consigliere, ha lasciato il suo precedente incarico per mancanza di tempo, ma che magicamente ha trovato con un incarico prestigioso e meglio retribuito. Questa è la politica della giunta Del Ghingaro, una politica fatta di interessi economici e non solo, una politica di parte che favorisce ” i potenti ” di Viareggio, mettendo ai margini della città ” gli ultimi “, basti pensare al problema delle residenze, che l’amministrazione non vuole dare, per un incaponimento più personale che politico, un pò come il bambino che porta via il pallone perché scarso. Proprio come il Pavone, questa giunta apre la ruota per nascondere il marcio che si nasconde dietro al colorato piumaggio. Per questo, come soggetto sociale che vive la città dando risposte concrete e dal basso ci chiediamo quanto ancori duri questa pantomima, e a quanto la caduta del ” re Giorgio”?

Cantiere Sociale Versiliese

Posted in Senza categoria | 1 Comment

Antisfratto Banner Tour per Viareggio. Blitz in vari punti della città.

La Brigata Sociale Antisfratto e l’Unione Inquilini il 19 giugno hanno dato vita al Banner Tour appendendo striscioni in vari punti sensibili della città per protestare contro le promesse non mantenute dalle istituzioni, al collegio Colombo; contro i sequestri infiniti dei magistrati, che buttano minori in mezzo alla strada; per chiedere la residenza per tutti i senza dimora in via dei Vageri; perché vi sia trasparenza nelle assegnazioni delle case e contro i nuovi progetti di speculazione dei palazzinari.

Sono stati appesi cinque striscioni: Il primo all’ex Collegio Colombo dove le istituzioni non hanno mantenuto le promesse verso la scuola alberghiera. Lo striscione appeso recitava “Le istituzioni non mantengono le promesse l’autorganizzazione si!” Il secondo striscione è stato appeso in Darsena alla casa sgomberata a gennaio e recitava: “Bambini sgomberati, sequestri infiniti grazie magistrati!” Il terzo striscione è stato appeso davanti al municipio dove un’amministrazione sorda e insensibile si disinteressa non solo dell’emergenza abitativa ma anche del problema delle residenze. “Vogliamo via dei Vageri! Residenza per tutti/e”. Il blitz ha proseguito, poi, in via Ponchielli dove c’è un mistero sulle assegnazioni di alcune case e su di un bando particolare che ha visto l’assegnazione della casa solo ad un consigliere comunale che poi vi ha rinunciato. Qui è stato appeso lo striscione “Trasparenza nelle assegnazioni o dimissioni.” Il Banner Tour è terminato al Varignano dove è in progetto l’ennesima operazione speculativo con tanto di centro commerciale e Mc’Donalds. “Basta palazzinari! Case Popolari!” In ogni punto toccato, eccetto via Ponchielli per rispetto alla memoria dei morti della strage ferroviaria del 29 giugno, sono stati accesi fumogeni e sono state sventolate le bandiere.

Si tratta di un’iniziativa che mira a denunciare le incongruenze di chi amministra questa città e le ragioni di chi dal basso si autorganizza.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Presidio al “Versilia”, del Comitato Sanità Pubblica, in difesa dell’ospedale

Da un po di tempo è attivo in Versila il “Comitato Sanità Pubblica Versilia contro lo smantellamento dell’ospedale unico e dei servizi territoriali.” Il comitato è composto da lavoratrici e lavoratori, cittadini e utenti della Versilia che si vogliono battere per difendere un diritto sacrosanto come quello della salute pubblica garantito dalla carta costituzionale. Per questi motivi il comitato ha promosso stamane lunedì 19 gennaio un presidio davanti all’entrata del nosocomio di Lido di Camaiore dove sono stati distribuiti un migliaio di volantini e dove è stato spiegato alle persone cosa ci attende per colpa della legge regionale n°84 del 28 dicembre 2015 e fortemente voluta da quell’Enrico Rossi che parla bene e razzola male. Rossi che parla di sociale e difesa del bene comune poi mostra tutta la sua ipocrisia e incoerenza con una legge che di fatto accorpa le dodici ASL toscane in sole tre nuove grandi grandi aziende USL.

L’Ospedale unico della Versilia nato, già, dall’accorpamento di quattro vecchi ospedali, ha subito nel corso degli anni, già, un ridimensionato scendendo dai 650 posti letti del 2002 ai meno dei 300 di oggi. Chirurgia è stata dimezzata e altri reparti come cardiologia e otorino sono a rischio chiusura. Servizi importanti come il centro trasfusionale sono andati altrove. I tempi di lista d’attesa per una visita sono notevolmente aumentati. A tutto questo vanno aggiunti i tagli al personale in un numero già carente. Il comitato oltre a denunciare tutto questo invita alla mobilitazione. Si legge nel volantino: “Solo se ci spendiamo in prima persona e diventiamo artefici del nostro destino, possiamo contrastare questo terribile processo di distruzione della sanità pubblica.”

Il presidio è stato, quindi, solo il primo di una lunga serie di appuntamenti che di un percorso importante per la difesa di un bene pubblico di prima necessità.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

I nuovi dirigenti del Cantiere Sociale Versiliese eletti dal congresso

Si è svolto venerdì 16 giugno il congresso del Cantiere Sociale Versiliese che ha visto il rinnovo degli organi dirigenti. E’ stato confermato presidente Alessandro Ravenna e sono stati eletti vicepresidente Samuele Marsili, segretaria Virginia Orrico, tesoriera Claudia Galli. Oltre a questi quattro nel direttivo, composto in tutto da 11 persone, sono stati eletti Gianluca Venturini, Alessandro Giannetti, Laura Lunardini, Barbara Barsottelli, Mario Giannelli, Giuliano Lazzarini, Roberto Panichi. Sono stati eletti, inoltre, il collegio di garanzia composto da Luca Redondi, (presidente), Nicolò Martinelli e Daniele Cinquini e la commissione revisione dei conti composta da Dino Fuschetto, (presidente), Roberta de Palma e Matilde Benedetti.

Molte le questioni che il nuovo corso dovrà affrontare tra tutte il rinnovo della convenzione  con la provincia per la gestione degli spazi in scadenza a dicembre 2017 ma anche il rilancio di attività sociali e culturali per il prossimo autunno. All’interno del Cantiere Sociale vivono 15 associazioni alle cui attività partecipano quasi duecento persone.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Presentazione del libro “con le unghie e con i denti” di Miriam Marino

Domani, sabato 17 giugno, alle ore 18,30 Repubblica Viareggina organizza presso “Il Kiosko” nella pineta di Levante di Viareggio la presentazione del libro “ Con le unghie e con i denti, la resistenza delle donne in Palestina” di Miriam Marino edito da Starpress. Sarà presente l’autrice del libro. A seguire pastasciutta contro l’occupazione a 10 euro.

Posted in Senza categoria | Leave a comment