In Versilia riprende la caccia ai migranti


Come ogni estate le amministrazioni con interessi turistici aprono la stagione della caccia all’immigrato. Una caccia trasversale che abbraccia giunte di centrosinistra e centrodestra pronte a”combattere” i venditori di colore in una non ben definibile gara per riportare la legalità(?). Questi amministratori ed i loro sgherri armati si prostrano alle richieste del “prepotente” di turno: siano essi albegatori, balneari, ecc. e danno il via a vere e proprie battute di caccia… elevando multe, arresti ed espulsioni. Provocando il caos (quello vero) nelle città e sulle spiagge, con ragazzi costretti a scappare con le loro povere cose, inseguiti da solerti vigili urbani.
Ci chiediamo come mai non si utilizza lo stesso rigore morale e la stessa corsa alla legalità anche nei confronti di quegli stessi (pre)potenti che la richiedono. Perchè nessun controllo sul lavoro nero negli stabilimenti balneari, nei ristoranti negli alberghi? Nessun controllo fiscale per bagni che a pranzo ed a cena
diventano veri e propri costosissimi ristoranti? Forse la risposta è semplice: si deve colpire gli sfruttati, non gli sfruttatori! A Pietrasanta, a Forte dei Marmi, in tutta la Versilia esprimiamo la nostra solidarietà ai migranti vittime di questo illogica repressione.
Invitiamo tutti i cittadini e le cittadine a ribellarsi a questo stato di cose ed a denunciare gli sfruttatori che guadagnano milioni speculando sulle nostre paure e sulla nostra pelle. Lavoratori stranieri e italiani uniti nelle lotte contro il nemico comune… Il padronato e i loro lacchè nei comuni.
Coordinamento Anticapitalista Versiliese (CAV)
Dada Viruz Project
Partito Comunista dei Lavoratori
Sinistra Crtitica
Spazio Antagonista di Resistenza Sociale (SARS)

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


9 × cinque =