Iniziato il processo contro chi gestiva l’inceneritore


E’ iniziato stamani a Viareggio il processo contro due dirigenti di TEV, accusati di avere taroccato i dati dell’inceneritore di Falascaia a Pietrasanta. Sette dipendenti hanno già patteggiato la pena riconoscendo la propria colpevolezza. Il processo, oltre ad essere un momento, per ottenere la verità è un occasione per ribadire che questi impianti di morte devono stare chiusi. Gli inceneritori sono una minaccia per l’ambiente e la salute di noi tutti e a maggior ragione quando sono gestiti da persone senza scrupoli che in nome del profitto sono disposti a camuffare i dati. Molti cittadini si sono costituiti parte civile e anche noi lo abbiamo fatto perché vogliamo che su questa vicenda si faccia il massimo della luce. Vogliamo inoltre che il contratto con la multinazionale Veolia da parte dei comuni sia reciso. E’ follia mantenere contratti con chi imbroglia e non a cuore la salute della cittadinanza.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× 3 = venti uno