Video: No al Razzismo qui nessuno è straniero

Da Firenze sabato si è levato forte il grido antirazzista e antifascista della comunità senegalese italiana e di tutte le donne e gli uomini solidali, almeno 25mila le persone che ieri sono partite da P.za Dalmazia (il luogo del duplice omicidio razzista) per giungere fino al centro cittadino. Un corteo composto ma deciso quello che ha animato il capoluogo toscano, delegazioni di migrati e militanti antifascisti da tutta Italia ma anche e questo è fondamentale semplici persone solidali stanche della spirale di odio e xenofobia Tutti a gran voce hanno chiesto la chiusura di casapound e di tutti i covi razzisti dove prende forma quell’odio, che va ribadito, è stato spesso sostenuto e fomentato da TV, giornali e politiche istituzionali in nome della logica securitaria. Un corteo pacifico come aveva chiesto la comunità senegalese fiorentina, con in testa (purtroppo) politicanti vari, gli stessi che firmano provvedimenti antiborsoni che si trasformano in caccia all’uomo o peggio ancora sostengono la costruzione dei “lager” CIE, come il presidente regionale Rossi, anche lui al corteo?!
Associazioni, spazi sociale, studenti, partiti di sinistra, hanno attraversato la manifestazione solidali e coerenti con la battaglia antirazzista portata avanti negli ultimi anni contro chi vuole uscire o affrontare la crisi del sistema in senso reazionario fomentando guerre di civilt\à o trasformando uno scontro per l’alternativa al neo-liberismo nella solita guerra tra sfruttati.
Da apprezzare è sicuramente la risposta alla mobilitazione da parte del territorio apuo-versiliese e viareggino, con un treno regionale pieno e tante esperienze da mettere in comune inoltre la scuola popolare caracol è partita alla volta di firenze con un pulmino composto da mamme e bambini residenti nel quartiere Varignano.
Qui sotto il video: No al Razzismo qui nessuno è straniero che mostra alcuni momenti della manifestazione del 17 dicembre a Firenze.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sei × 4 =