Pietrasanta in piazza contro la TAV


11 aprile di lotta, non solo in Val di Susa ma, in tutta Italia per ribadire il no alla costruzione della TAV. Presidi e manifestazioni si sono svolti anche in numerose città toscane a dimostrazione di come anche la nostra regione sia sensibile verso i temi del movimento No TAV. Compagni sono scesi in piazza a Massa, Lucca, Livorno, Pistoia, Firenze e altre città. Il coordinamento anticapitalista versiliese ha scelto di manifetare a Pietrasanta dove assieme ad altre soggettività antagoniste ha distribuito un dossier che spiegava le ragioni per cui la TAV è inutile, dannosa, costosa e pericolosa. Sono stati appesi alcuni striscioni per la città. Uno di questi è stato appeso sopra una banca e recitava così: ” + valli – monti” con chiaro riferimento al presidente del consiglio Mario Monti amico dei banchieri. Monitorati dalla DIGOS i compagni hanno distribuito materiale informativo, parlando con tante persone che condividevano la protesta. La serata si è conclusa con un’assemblea del CAV aperta ad altri soggetti da cui è emersa la proposta di una critical mass da effettuarsi a maggio da Pietrasanta a Viareggio per ribadire non solo il No alla TAV ma anche ad altre nefandezze in progetto sul territorio versiliese come gli inceneritori o l’asse di penetrazione.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× cinque = 15