Diffide per il piano interprovinciale dei rifiuti


La battaglia per la difesa dell’ambiente contro inceneritori continua, e fa registrare un punto importante a favore di chi non vuole bruciarsi il futuro.
Il piano dei rifiuti che la provincia si apprestava a votare era nella piena illegalità per questi motivi la Rete Ambientale della Versilia ha deciso di ricorrere alle vie legali.
La Rete Ambientale della Versilia, composta da decine di comitati, con in testa Medicina Democratica ha diffidato il presidente della provincia, gli assessori e i consiglieri Provinciali da adottare il piano interprovinciale così come proposto e chiede di prendere una forte iniziativa politica tesa a modificare la norma regionale che affida alla New Co la raccolta differenziata dei rifiuti in violazione della normativa vigente. L’iniziativa legale ha prodotto immediatamente una presa di posizione da parte dei gruppi di SEL, IDV e Federazione della Sinistra che si sono dichiarati non disposti a votare una piano che sarebbe nell’illegalità Questa presa di posizione non era scontata visto, che alcuni consiglieri provinciali con spvalderia e menefreghismo avevano annunciato di votare qualsiasi piano pur di tenere in piedi la maggioranza.
Messi di fronte a precise responsabilità contabili e giudiziarie i gruppi di IDV, SEL e Fedrazione della Sinistra hanno dovuto accettare le richieste della Rete Ambientale e di tutte le persone di buon senso che non vogliono piani sui rifiuti scellerati.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sette + = 11