Basta con la disinformazione organizzata. L’informazione facciamocela da noi.


L’informazione è sempre più addomesticata al potere e serve a spaventare l’opinione pubblica per poi dirigerla verso scelte politiche reazionarie. La cronaca nera, svolge un ruolo centrale nella costruzione di un immaginario deviato e perverso. Si alimenta il panico, si crea odio sociale contro immigrati, stranieri, alimentando odiose guerre tra poveri. Abbiamo ancora tutti in mente come i media usarono il drammatico omicidio della signora Reggiani a Roma per far vincere le elezioni al centrodestra.
Anni e anni di bombardamenti mediatico sottolineando sempre la nazionalità dell’autore del crimine, come se avesse una reale valenza sul fatto, sono il tentativo di far percepire la realtà in modo distorto. I dati statistici parlano chiaro. La maggior parte delle violenze avviene nelle famiglie ma è più erotico da un punto di vista di questa morbosa informazione sottolineare sempre la violenza extracomunitaria o rom. Se definiamo razzista questo modo di dare le notizie ci becchiamo addosso le critiche più disparate: “O siamo ideologici o facciamo del buonismo.” L’epiteto di cattocomunismo poi non ce lo leva più nessuno da dosso. La realtà è, però, ben diversa la gabbia del pensiero unico costruita dai media è l’unica vera ideologia totalitaria in questa fase storica. Rompere questo schema non è facile perché è il nodo in cui struttura e sovrastruttura si saldano assieme in questa fase di decadenza del capitalismo. I capitalisti sono ben cosci di questa decadenza per questo investono per confondere volontariamente le masse, per mettere disoccupati contro lavoratori, studenti contro pensionati, italiani contro stranieri. La criminalizzazione dei giovani e della protesta rientra a pieno nel lavoro propagandistico di questi professionisti della disinformazione organizzata o se preferiamo dell’informazione di regime.
Siamo abituati nel nostro impegno sociale e politico a vederne di tutti i colori: ci hanno censurato, ci hanno attribuito frasi non dette o cose non fatte, ci hanno storpiato i nomi, schernito e vilipeso e tanto altro. Sappiamo che cosi funziona il mondo mass mediatico nella società capitalista. Quella che chiamano libertà d’informazione altro non è che la loro libertà di calunniare e denigrare. Poi se incombano in qualche disavventura giudiziaria, loro forcaioli per eccellenza, diventano agnellini che piangono. Il caso Sallusti è forse l’esempio più eclatante di dove il carnefice diviene vittima e lo diviene grazie ad un gioco continuo di parole sconnesse dai pensieri. Ripetere la menzogna fino al punto di crederla verità. Sarebbe fin troppo facile trarre delle conclusioni etico – morali ma non è quello che vogliamo fare perché saremmo troppo presuntuosi e perché non sottolineeremmo l’importanza della posta in gioco. Come media – attivisti sappiamo bene che la battaglia per un’altra informazione è una battaglia campale. Negli anni ’70 si sarebbe parlato di conto-informazione ma non è il termine esatto, perché noi non siamo contro l’informazione ma per l’informazione che oggi è prigioniera proprio di chi dovrebbe farla ed invece la sottomette ai mille compromessi del potere.
Anche sul nostro territorio, la Versilia, assistiamo quotidianamente ad una informazione manipolata e castrata. Il Tirreno ignora volutamente qualsiasi comunicato di movimenti sociali e organizzazioni politiche che siano non graditi al PD. La Nazione è arrivata a mettere in bocca a Cira Antignano, madre di Daniele Franceschi il ragazzo morto nel carcere di Grasse, frasi mai pronunciate sugli immigrati. Il gruppo editoriale della Gazzetta di Lucca e di Viareggio pubblica quasi tutto ma lo fa con l’obbiettivo di strumentalizzare opposte fazioni. Aldo Grandi, del resto, è un attento studioso degli anni ’70 e dalla polemica cerca di guadagnare. Sulle pagine facebook di questi giornali è pieno di fascisti e razzisti che seminano i loro veleni a partire dagli esponenti di Forza Nuova che ci si trovano a loro agio nello sguazzare.
E’ vero viviamo nell’epoca di internet e le possibilità di comunicare e rompere le censure più assordanti sono maggiori rispetto a quando esistevano solo TV e giornali. Tuttavia, le caste dominanti fanno di tutto per controllare la rete e ridimensionarla.
Noi di Dada Viruz Project pensiamo che vada potenziata l’informazione autogestita e dal basso per questo stiamo migliorando il sito, abbiamo aperto una pagina facebook e collaboriamo assieme ai compagni del CAV anche al nuovo blog dell’ossservatorio contro la repressione e il carcere intitolato a Daniele Franceschi. Invitiamo tutti a seguirci e ad inviarci critiche o contributi su qualsiasi tema. Siamo stanchi di delegare l’informazione alla casta dei giornalisti di professione.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 6 = tredici