I COBAS al fianco dei lavoratori di Pioppogatto


TROPPE OMBRE SULLA CASSA INTEGRAZIONE A PIOPPOGATTO
Il 28 dicembre è stato siglato alla Direzione territoriale del Lavoro di Lucca l’accordo per la cassa integrazione riguardante i lavoratori di Pioppogatto (Viareggio) che da anni operano in condizioni di sicurezza a dir poco precarie
L’accordo, sottoscritto da Cgil e Uil, merita alcune riflessioni
I sindacati cedono al sistema delle deroghe ai contratti nazionali (ma la Cgil non diceva di essere contraria affermando la centralità del contratto nazionale?? Parole, solo parole!!).
Si deroga all’art 11 del Contratto nazionale dei servizi ambientali Federambiente che prevede per le assunzioni a tempo determinato alcuni tetti in rapporto al numero del personale totalmente impiegato in azienda. In sintesi, i contratti a tempo determinato non dovrebbero superare il 12% del totale del personale inquadrato dal livello 1 al livello 5 e l’ 8% del totale del personale inquadrato dal livello 6 al livello 8. Con questa deroga, l’azienda, con l’avallo sindacale, potrà fare ampio e incontrollato ricorso ai contratti precari
Si riducono i periodi di pausa tra due contratti a termine come prevede la legge Fornero (legge 92\2012)
Si stabilisce, in base alle normative vigenti in materia di ammortizzatori sociali, la cassa integrazione a rotazione nel rispetto del contratto di servizio che “prevede il conferimento di 125 mila tonnellate annue” all’impianto di Pioppogatto.
Ma questo contratto ad oggi non viene rispettato perché il personale è impiegato in un solo turno e non esiste rotazione nella cassa integrazione. E in ogni caso con o senza le 125 mila tonnellate il personale dovrebbe ruotare nella cassa integrazione , cosa che non avviene

Il Cobas lavoro privato chiede alla Provincia di Lucca, alle autorità viareggine e alla Direzione provinciale del lavoro di vigilare per il rispetto dell’accordo e giudica negativamente la concessione di deroghe che precarizzano i rapporti di lavoro senza dare prospettive e certezze ai 25 lavoratori oggi in cassa (e anche ai 13 attualmente impiegati). Noi crediamo che una strada alternativa sia possibile:impiegare nel riciclo dei rifiuti questo personale dando un’alternativa al nocivo incenerimento.

Presidio davanti a Pioppogatto Mercoledi’ 13 febbraio ore 10

Cobas lavoro privato
www.cobaspisa.it cell 3297467395

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 5 = dodici