La rete che mostra le contraddizioni delle sinistre e fa rialzare la testa alla destra


Le proteste contro la rete anti immigrati al pontile di Forte dei Marmi hanno provocato una serie di reazioni che vanno al di là della questione della rete stessa scoperchiando un vaso contenente le molte contraddizioni della politica locale. Tra queste reazioni c’è stata quella palese e stizzita di una destra che s’è messa in prima fila, non solo, a fare saluti romani sul pontile ma che ha visto alcuni giovani forse vicini, a quel circolo la Fascina tanto procace nel lasciare dichiarazioni, recarsi sotto casa dei genitori di un nostro compagno al Cinquale. Siamo allo squadrismo? All’intimidazione o cos’altro? Ma se la destra rialza la testa la colpa è solo della sinistra istituzionale. Su Buratti crediamo che non bisogna spendere molte parole. Ogni estate alimenta provocazioni. L’anno passato voleva innaugurare il monumento al figlio del duce con la scusa degli aviatori. Sono queste le scelte dei sindaci democratici? Curioso è anche, tuttavia, l’atteggiamento della cosiddetta sinistra radicale che a Forte dei Marmi contesta i dirigenti del PD mentre a Pietrasanta, Viareggio, Massa e tutte le altre città limitrofe ci governa assieme. Non abbiamo scordato le aperture sul diritto di manifetare della deputata Martina Nardi di SEL a Casa Pound dopo la commemorazione delle foibe avvenuta a Massa l’11 febbraio 2012. Ma soprattutto abbiamo visto come gli esponenti vicini a SEL nelle istituzioni non rispondano al partito. Felici e Tommasi si sono schierati con il sindaco sbeffeggiando la manifestazione del proprio partito. Cosa non si fa per difendere una poltrona! La sinistra, cosi debole, non solo perde di credibilità ma rinforza la destra per questi motivi pensiamo che bisogna ripartire da pratiche di autorganizzazione in totale autonomia dal PD. La rete al pontile è un atto di inciviltà ed è un nostro diritto morale praticare la disobbedienza civile contro un oggetto discriminante. Alle giunte del PD si fa opposizione sempre. Dalla Valsusa a Niscemi passando per Forte dei Marmi quando c’è da tagliare delle reti, si tagliano.


Blocco Anticapitalista Versilia per Solidarietà Internazionalista (B.A.S.I.)

(ex Sinistra Critica)

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× sette = 35