I giochetti di ATO Costa


Abbiamo già detto quanto sia scellerato, il piano sui rifiuti che la regione Toscana ha approvato. Si tratta di un piano, che per la gioia della lobby incenitorista, prevede ben sette inceneritori. Adesso la palla passa ad ATO Costa ma purtroppo non c’è da attenderci niente di buono. S’è svolta il 25 settembre, a Livorno, la riunione di ATO. La riunione prevista da tempo doveva vedere un presidio di protesta di diversi comitati ambientali delle province di Lucca, Pisa e Livorno ma la notizia, rivelatasi poi falsa, dello slittamento della riunione ha portato all’annullamento del presidio. I soliti politicanti hanno fatto i furbi ma tra i comitati è innegabile che regna un’ingenuità incredibile. Il presidio andava, comunque, confermato. ATO costa s’è riunita anche se poi non ha preso decisioni per l’assenza di alcuni amministratori. Pensiamo che le differenze all’interno di ATO siano solo formali e non sostanziali. Per fermare questo piano folle c’è solo una via maestra quella della mobilitazione e della lotta.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


uno × 8 =