…UNA GIORNATA PARTICOLARE…

Nella giornata di ieri si è conclusa la sessione Nazionale dell’ANCI alla Fortezza da Basso a Firenze. Nelle tre giornate si sono succeduti sindaci, ministri, presidenti, banchieri, una parte delle peggiori espressioni della politica e dell’economia italiana.
Una MANIFESTAZIONE RUMOROSA E CREATIVA ha accolto, sempre ieri, con bordate di fischi, di insulti, di legittima rabbia i partecipanti al convegno.

La giornata era cominciata con L’OCCUPAZIONE di alcuni alloggi sfitti nella vicina Via Crimea. Una occupazione particolare, composta da sole donne singole e con bambini, stanche di girovagare in strutture di accolgienza a tempo determinato, stanche di subire le attenzione costanti di assistenti sempre meno sociali, stanche di subire..e basta.

Dalla rumorosa piazza, intorno alle 16,30 è partito un corteo di oltre mille donne e uomini, di delegazioni provenienti da altre città, di tanti richiedenti asilo, di una delegazione di NO TAV, per portare la solidarietà all’occupazione avvenuta in giornata.
Il corteo ha poi trovato lo SBARRAMENTO POLIZIESCO per rientrare in Piazza Bambini di Beslan, dopo una serrata trattativa e la determinazione ad andare e a tornare tutti insieme, il corteo HA IMPOSTO di rientrare nella piazza, dove i compagni dei diversi territori hanno dato i prossimi appuntamenti a partire da mercoledì’ 31 ottobre a Roma in occasione dell’incontro tra Stato e Regioni.

Anche nella giornata di ieri si è consolidata la rete dei movimenti, il suo agire comune, il non arretrare di un passo.
Anche nella giornata di ieri si è allargata la consapevolezza di un nuovo protagonismo collettivo, la forte richiesta di equa redistribuzione della ricchezza, la legittima aspirazione di casa e reddito per tutte e tutti.
E ancora la forte critica alla legge Bossi-Fini, alla mattanza dei richiedenti asilo nel mare meditteraneo diventato il pìù grande cimitero esistente.

Un passo avanti per costruire l’assedio e l’alternativa societaria alle ferree dinamiche del profitto e della speculazione.

Il Movimento di lotta per la casa di Firenze

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


7 − = tre