Il sindaco Betti irritato dalla raccolta di firme contro il piano regionale dei rifiuti?

Prosegue la raccolta di firme contro il piano regionale dei rifiuti. La petizione, promossa dal Blocco Anticapitalista Versiliese aderente a Communia Network, che invita le amministrazioni locali a pronunciarsi contro uno scellerato piano voluto dal presidente della regione, Enrico Rossi, sta riscuotendo un buon successo.

Nella petizione viene chiesto che non si costruiscano nuovi inceneritori, che si punti sulla raccolta differenziata e che si abbassino tasse come TARSU, TIA e TARES.

Questa petizione ha irritato non poco il sindaco di Viareggio Leonardo Betti. La sera del 19 dicembre Betti si trovava in una nota braceria di Viareggio quando tra i tavoli ha iniziato a circolare un modulo per raccogliere le firme. Il sindaco Betti, dopo avere irriso l’iniziativa, ha avuto uno scambio di battute con una militante. Una persona che era con Betti avrebbe anche scherzato sull’opportunità di bere o meno il vino, paventando l’ipotesi che fosse avvelenato. Tra lo scherzo e l’irritato però il sindaco si sarebbe lasciato scappare una amara e veritiera considerazione. “Non posso abbassarvi le tasse sui rifiuti non ci sono soldi!” Nel frattempo, il foglio continuava a circolare tra i tavoli e le persone continuavano a firmare.

La petizione non è stata pensata contro la giunta Betti o contro le altre giunte comunali ma contro la giunta regionale Rossi totalmente insensibile alle problematiche ambientali. Le richieste non sono populiste, come gli esponenti del PD vorrebbero descrivere, ma sono scelte politiche ben precise a difesa dell’ambiente. Se si convertono gli impianti di incenerimento in impianti di riciclo si può puntare verso rifiuti zero e verso tariffe zero. Prossimamente ci saranno banchetti anche a Camaiore e Pietrasanta perché la lotta contro il piano regionale dei rifiuti continua.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

One Response to Il sindaco Betti irritato dalla raccolta di firme contro il piano regionale dei rifiuti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× due = 2