UI e Brigata Sociale: “L’acqua è un diritto e non si stacca.”

L’acqua è un diritto e i referendum popolari vanno rispettati. Questo sembrano non capire i vari amministratori locali e la varie aziende municipalizzate. I privati continunano a pensare ai loro interessi ma quello che è inaccettabile è che questo avviene con la complicità dei sindaci.  Unione Inquilini e Brigata Sociale Anti Sfratto non ci stanno e vanno all’attacco di G.A.I.A. definndola arrogante per avere staccato l’acqua ad una famiglia con minori. Il gestore idrico che gestisce una risorsa che è un bene pubblico in effetti ha un atteggiamento che merita di essere severamente criticato.Unione Inquilini e Brigata Sociale Anti Sfratto nel loro comunicato chiamano in causa il sidaco di Viareggio Leonardo Betti e l’assessora al sociale Isaliana Lazzerini affermando che dovrebbero imporsi per fare riattaccare l’acqua alle famiglie a cui è stata staccata.

“Riterremo Betti co-responsabile di questa illegalità, un Sindaco incapace anche di preoccuparsi di questioni così gravi, urgenti e semplici da risolvere, è un Sindaco che deve dimettersi, altrimenti, il suo operato, continuerà a gravare sulla vita di molti cittadini.
Ogni giorno che questa famiglia ha passato senza acqua è uno smacco ai trattati internazionali sui diritti umani, è l’ennesima figura che il Sindaco autolesionista sta facendo fare al Comune di Viareggio, dando il primo premio a questa giunta nell’incapacità amministrativa e politica.”

Insomma un altro dura polemica investe l’amministrazione di centrosinistra che di sinista sembra non avere proprio niente.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove × 3 =