Fiocco rosa al Matteotti Occupato

Venire a conoscenza di una nascita è sempre una bella notizia. Ogni volta che nasce una bambina o un bambino è naturale che sia una festa, specie per i genitori. Ma la nascita di una creatura non è sempre una cosa facile specie se nasci in un paese che non mette tutti nelle stesse condizioni economiche e sociali.

Per questo il fiocco rosa al “Matteotti Occupato” è una notizia che assume ancora più valore. La bambina di di 2,8 Kg è nata nella notte, grazie al coraggio dei suoi genitori che stanno lottando per il loro diritto ad abitare. E’ nata nella notte in cui i compagni tornavano da Roma dove la polizia, indiscriminatamente, aveva usato violenza su chi manifestava per non piegarsi alle ingiustizie sociali che questo sistema ci propaga quotidianamente. Fiocco rosa ed è festa grande al “Matteotti Occupato”, perché grazie a questa occupazione la bimba avrà un luogo dove abitare, quella casa che le istituzioni non sono riusciti a dare ai suoi genitori. I politici che si definiscano cristiani, liberali, democratici o comunisti ma che sono solo maledettamente realisti nell’ubbidire alle leggi del profitto, non sono stati in grado di fare quello che un gruppo di ragazze e ragazzi etichettati come estremisti o idealisti sono riusciti a fare. Il fiocco rosa al “Matteotti Occupato” crediamo che riempia di gioia ogni militante e fa sentire meno pesanti le manganellate e meno preoccupanti le denunce. Vale la pena lottare perché la lotta è vita. E la vita si rinnova, nonostante, i grigiori delle stanze di una politica ipocrita e sorda ad ogni istanza di cambiamento.

Auguri alla nuova venuta, auguri ai genitori, auguri a tutti quelli che resistono.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 × = sei