Parte “ODIOMOSSODAMORE”

Dal 15 al 23 giugno a Viareggio in via Minghetti presso l’officina d’arte fotografica e contemporanea “Dada Boom”, spazio artistico aperto da alcuni mesi e pensato per aggregare vari artisti critici, si terrà la mostra “ODIOMOSODAMORE.”
Nella locandina di invito alla partecipazione sono scritte parole molto chiare:
L’odio e la rabbia dei popoli oppressi contro i poteri tiranni che violentemente scagliano contro austerità, precarietà, crisi economiche e sociali, è da considerarsi un atto d’amore. l’amore per la costruzione di un futuro sostenibile e senza sfruttamento, l’ amore per i diritti di e per tutte/i, l’ amore per la libertà e per l’autodeterminazione dei popoli oppressi
Contro la devastazione e il saccheggio di un sistema tiranno, milioni di persone in tutto il mondo scendono nelle piazze per lottare e riprendersi quello che ci viene sottratto. Metteremo in mostra ciò che le televisioni e la stampa nascondono o peggio ancora criminalizzano. La Rivoluzione è un atto d’amore!”
Si tratterà di un evento che vedrà la partecipazione di diciannove artisti che cercheranno di dare voce ai tanti senza voce che subiscono discriminazione, criminalizzazione e repressione. Non si tratterà, tuttavia, solo di un momento di denuncia ma di un momento aperto di confronto e riflessione dove l’espressione libera degli artisti ha deciso di essere partigiana.
Scultura, pittura, fotografia, fumettistica, installazioni, video – art, poesia e letteratura si incontreranno superando gli steccati convenzionali che distinguono ogni singola disciplina. Il minimo comune denominatore sarà l’odio e la rabbia che gli sfruttati provano per gli sfruttatori e l’amore per la rivoluzione. ODIOMOSSODAMORE” è dedicata a tutti/e coloro che si mobilitano per la costruzione di un mondo equo ed un futuro sostenibile, ed una dedica particolare è rivolta a tutte/i le/gli abitanti dei quartieri brasiliani in questi giorni in lotta.
La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al giorno 23 giorno in cui sarà presentato l’ultima fatica letteraria del collettivo  Wu Ming “L’armata dei sonnambuli”
Il 23 giugno diverse realtà sociali e politiche del territorio promuoveranno questa iniziativa che oltre a vedere la presenza di Wu Ming 3 sarà musicalmente allietata da Davide Giromini con il suo ultimo progetto Rivoluzioni Sequestrate, l’audace ritorno del Cyberfolk.
This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


9 − = cinque