L’informazione che calunnia troverà, sempre, la nostra ferma opposizione!

Sappiamo benissimo come nel nostro paese l’informazione sia faziosa e servile e di come ometta le voci del dissenso. Sappiamo, anche, che certi giornalisti fanno a gara a criminalizzare i movimenti sociali e tentano di addomesticare l’opinione pubblica nell’interesse di un sistema che vive di arroganza e privilegio.

Si supera il segno, tuttavia, quando si arriva all’insulto o alla calunnia personale come ha fatto il direttore della Gazzetta di Viareggio verso una compagna viareggina, colpevole di avere partecipato alla contestazione del razzista Mario Borghezio. L’esponente leghista era venuto a propagandare il suo razzismo nella pineta di Viareggio nella primavera del 2013 e aveva trovato ad accoglierlo una contestazione antirazzista.

La compagna ha visto pubblicare la sua foto accompagnata dall’epiteto pazza sul sito della Gazzetta di Viareggio.

Si è trattato di un attacco volgare verso una persona che svolge un lavoro al pubblico e che ha, quindi, deciso di querelare il direttore della Gazzetta di Viareggio, non per una ripicca ma, per difendere la propria dignità personale e la dignità di un movimento antirazzista e antifascista stufo di farsi insultare da moralisti e moralizzatori già più volte richiamati dall’ordine dei giornalisti.

Sosteniamo, oggi, questa causa con la consapevolezza che una corretta informazione può nascere solo dal basso e in un humus antifascista che rispetti valori, ormai, dissueti in certi ambienti.

Dada Viruz Project “Informazione Anticapitalista”

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 4 = due