In tanti al presidio a Lido di Camaiore contro le bombe su Gaza

I crimini, di questi giorni, compiuti da Israele a Gaza, e in tutta la Palestina, passano sotto silenzio per colpa di un’informazione falsa che parla di guerra tra palestinesi e israeliani. Il termine guerra è inesatto perché la guerra si combatte tra due stati e due eserciti. Solo Israele ha un esercito, militari, aerei e armi. Si tratta, quindi, di un’azione militare unilaterale che colpisce principalmente la popolazione civile. Sono già oltre duecento i palestinesi, per la maggior parte donne e bambini, uccisi dai raid israeliani. Avendo chiaro questo è stato autoconvocato il presidio di mercoledì 16 luglio a Lido di Camaiore.

Più di 150 persone hanno partecipato al presidio che ha visto la distribuzione di un volantino informativo che spiegava le cifre precise di quello che è il conflitto in corso.

Dopo alcuni interventi, in quello che è uno dei salotti buoni della Versilia, è stato deciso di sfilare lungo il pontile con le bandiere palestinesi e depositare in mare alcuni fiori bianchi per omaggiare le tante vittime di questi giorni. E’ stato ricordato che questo è lo stesso mare dove ogni giorno muoiono tanti immigrati che fuggono da guerre e miseria.

E’ stato ribadito, inoltre, a chiare lettere che la mobilitazione non era né pacifista né equidistante ma che si schierava nettamente dalla parte del popolo palestinese e della sua resistenza, conto l’occupazione sionista, contro il colonialismo, e contro ogni forma di imperialismo.

Altre mobilitazioni seguiranno nei prossimi giorni in Versilia come continuerà il boicottaggio dei prodotti israeliani.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


6 × = trenta sei