E nata la Mezzaluna Rossa Kurdistan Italia Onlus

Si è finalmente costituita, anche nel nostro Paese, “Mezzaluna Rossa Kurdistan Italia Onlus”, associazione solidaristica emanazione della già esistente (dal 1993, in Germania) “Heyva Sor a Kurdistanệ”, la più grande organizzazione umanitaria esistente per il Kurdistan.

La sede è a Livorno. Proprio nella città labronica, il 17 gennaio, più di duecento persone si sono ritrovate nel Nuovo Teatro delle Commedie per assistere alla presentazione dell’associazione, presieduta da Alican Yildiz. Presenti anche i responsabili dell’Ufficio Informazione Kurdistan Italia (Roma), di Verso il Kurdistan Onlus (Alessandria), della Associazione culturale Kurdistan (Pontedera), della delegazione italiana nei campi profughi del Kurdistan iracheno e rappresentanti di molte comunità curde italiane e tedesche.

“Mezzaluna Rossa Kurdistan Italia” si propone di fornire assistenza senza discriminazioni alle popolazioni civili, specialmente in aree povere, colpite dalla guerra o da calamità naturali, attraverso l’organizzazione di iniziative di sensibilizzazione e raccolte di fondi.

L’area di assistenza copre l’intero territorio curdo (Turchia, Iraq, Siria, Iran) ma, in questi mesi, è concentrata soprattutto sul territorio del Rojava e, in particolare, sul distretto di Kobane, città curdo-siriana che sta resistendo strenuamente all’attacco delle forze dell’ISIS dal luglio scorso.

Attualmente sono oltre 122.000 i rifugiati che dal distretto di Kobane si sono riversati nella regione di Urfa, nel sud della Turchia, all’interno dei campi-profughi autogestiti. Per migliaia di donne, uomini e bambini, oggi, l’emergenza è soprattutto avere vestiti per fronteggiare l’inverno e altri generi di prima necessità, come il latte per i bambini. Inoltre, negli improvvisati ospedali dei campi mancano attrezzature, medicinali, vaccini, e medici specialisti, in particolare ortopedici, pediatri e chirurghi.

Anche nel Kurdistan iracheno, a Şengal, molti bambini sono rimasti orfani a seguito del massacro di più di cinquemila Curdi Ezidi perpetrato dalle forze del “Califfato”.

Infine, non dobbiamo dimenticare che anche nella parte Turca non esiste pacificazione, come i media di regime vorrebbero far credere: oltre agli arresti di massa compiuti ricorrentemente nei confronti di partigiani, politici, avvocati, giornalisti, attivisti, vengono ancora bruciati villaggi e deportate o uccise intere famiglie. Per i tanti orfani o donne rimaste sole “Heyva Sor a Kurdistanệ”, con le sue diramazioni, in Europa e nel mondo, è già e continuerà a essere presente.

www.mezzalunarossakurdistan.org

mezzalunarossacurda@gmail.com

Fb: Mezzaluna Rossa Kurdistan Italia Onlus

Twitter: MezzalunaRossaCurda

Coordinate bancarie per donazioni:

Conto: 1000/00132226

Presso: Banca Prossima

Intestato a: Mezzaluna Rossa Kurdistan Italia Onlus

IBAN: IT63 P033 5901 6001 0000 0132 226

Contributo di Carlo Giorgetti

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 2 = quattro