Le multinazionali distruggono salute e ambiente (processo sull’inceneritore)

Veolia è una multinazionale che per i suoi profitti è sempre passata sul bene comune. In varie parti di Europa si è resa protagonista di comportamenti scellerati.

Oggi a Lucca si arriva a sentenza per lo sversamento diretto nei torrenti Baccatoio e Carraietta di acque inquinate dell’inceneritore di Falascaia a Pietrasanta (circa 3700 tonnellate).

Furono trovate tracce di diossina anche alla foce del fiume Motrone a 3 Km dall’impianto in piena zona turistica.

La Versilia è salita, negli ultimi anni, alle cronache purtroppo per l’aumento di neoplasie e malattie cardiovascolari.

Alcuni cittadini con una denuncia alla magistratura sono riusciti a far chiudere l’impianto di morte, il 7 luglio 2010, e a far iniziare un processo contro i dirigenti di Veolia.

Siamo qui per solidarizzare con le cittadine e i cittadini che in questi anni hanno lottato contro l’arroganza di Veolia per difendere ambiente e salute.

Ci auguriamo sia resa giustizia alla Versilia, tuttavia, non possiamo dimenticare che troppe volte le multinazionali hanno inquinato, avvelenato e devastato e poi i loro dirigenti sono riusciti a farla franca. Troppo spesso si usano due pesi e due misure colpendo chi manifesta contro le devastazioni ambientali, vedile pesanti e ingiuste sentenze ai No TAV e si assolvono chi in nome del profitto distrugge le nostre vite.

Saremo sempre al fianco di chi lotta per la difesa dell’ambiente ricordando che fino a che esisterà un sistema di produzione come quello capitalistico l’ambiente non potrà mai essere tutelato fino in fondo.

Blocco Anticapitalista Versiliese

Alla fine giustizia all’italiana condanne non per tutti e minime. Solo 6 mesi, e pene sospese, per i dirigenti di Veolia che hanno versato liquidi inquinati nei corsi d’acqua vicino all’inceneritore. Mentre lo stato da pene pesanti ai No TAV, colpevoli di difendere il proprio territorio, tratta con i guanti le multinazionali criminali che ci avvelenano in nome dei loro sporchi profitti.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre + = 7