Contro razzismo, repressione e fascismo non un passo indietro

antifa

I topi di fogna rialzano la testa e riprendono a sputare veleno favoriti da un contesto sociale, economico e politico di crisi permanente. Quanto accaduto a Lucca lo scorso 15 luglio, il tentativo di incendiare la sede dei movimenti, merita una risposta determinata e immediata. Il silenzio diviene complicità per questo saremo in piazza a portare la nostra solidarietà e a denunciare come razzismo e fascismo siano, purtroppo, sempre vivi nella nostra società.
Fino a che esisterà il capitalismo, le sue crisi, le sue guerre e le sue ingiustizie sociali, il suo ventre potrà generare topi di fogna.
Per noi il coerente antifascismo non può essere in alcun modo slegato dall’anticapitalismo e dalle sue pratiche sociali di riappropriazione e autogestione.
I fascisti che incendiano, picchiano, stuprano e seminano terrore non sono una novità per Lucca e per tutto il paese. E non è una novità, nemmeno il fatto, che la magistratura e le forze di polizia tollerino questi atteggiamenti. Reprimendo, invece, gli antifascisti che contestano Matteo Salvini (ricorrendo tra l’altro a leggi ridicole e anacronistiche risalenti al codice Rocco voluto proprio dal regime fascista.) Come sempre il potere usa due pesi e due misure. Tollerante verso il padrone di casa che fa pagare affitti al nero e poi sfratta e duro verso chi fa picchetti e recupera case occupandole. Tollerante verso chi compie apologia di fascismo e usa metodi squadristi duro verso chi non china la testa e protesta perché considera gli esseri umani tutti uguali senza distinzione di colore di pelle, credo religioso o nazionalità.
Episodi come quelli avvenuti a Lucca, a Treviso a Roma sono strettamente collegati alla propaganda di odio seminata dai gruppuscoli fascisti di Casa Pound e Forza Nuova ma anche da partiti, in doppio petto, come Fratelli d’Italia e Lega Nord. Per questo riteniamo giustissimo contestare e contrastare l’avanzata della nuova ideologia “fascio – leghista.”

Blocco Anticapitalista Versiliese

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


9 + = dieci