Di Beo: Se ci sarà il morto denunceremo il sindaco. Antonini: sabato sarò in spiaggia

images

Repubblica Viareggina insiste sulla sicurezza della spiaggia libera della Lecciona e lo fa in modo netto.

“Stiamo viaggiando sul filo del rasoio, scongiurando giorno dopo giorno la morte di un turista o di un bagnante locale, l’ultima dimostrazione l’abbiamo vista in una catena umana creata dai bagnanti per salvare persone che stavano affogando, mettendo, a loro volta a rischio la vita. “Del Ghingaro, dimostra di non conoscere per nulla la città e tanto meno le dinamiche del turismo balneare, dimostra di essere la caricatura perfetta del politico che spara alto e promette mari e monti in campagna elettorale e dopo si dimentica di aver stretto un patto con il popolo”, commenta Michelangelo Di Beo di Repubblica Viareggina -:” Del Ghingaro vuole il morto e la sua noncuranza del tema sicurezza alla Lecciona, da lui tanto millantata come priorità della sua giunta se avesse vinto le elezioni, si sta dimostrando un pericolo per i centinaia di turisti che affollano ogni giorno la spiaggia libera della Lecciona. La sorveglianza in quel tratto di mare è necessaria, noi come Repubblica Viareggina, abbiamo sempre sostenuto questa tesi, perchè da viareggini frequentatori di quella spiaggia e da lavoratori nel campo della sorveglianza balneare, sappiamo bene quale sia il valore del patrimonio da salvaguardare in quel tratto di mare.” Sulla vicenda era già  intevernuto anche Filippo Antonini, candidato a sindaco di repubblica viareggina, che annuncia ora la sua presenza per sabato alle 11 su quella spiaggia per prestare la sua opera di volontariato per la salvaguardia dei bagnanti.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove − 6 =