Il congresso di Repubblica Viareggina

WP_20151210_21_09_09_Pro

C’era attesa per il congresso organizzativo di Repubblica Viareggina per i beni comuni e le attese non sono state deluse. Partecipato e intenso si è svolto presso la sala Alessandro Petri, giovedì 10 dicembre, il primo congresso che ha visto la trasformazione di Repubblica Viareggina da lista elettorale ad organizzazione politica.

I lavori sono iniziati alle 18.30 con la relazione di Filippo Antonini, candidato a sindaco alle scorse elezioni amministrative, è stato, poi letto, il documento politico e ci sono stati i saluti che non sono stati interventi di rito ma un contributo concreto alla discussione di altre forze politiche e sociali. Sono intervenuti: Rifondazione Comunista, SEL, PCL, CARC, ARCI, FIOM, Cantiere Sociale, Ora Costituente, Brigata Sociale Antisfratto e Unione Inquilini. I lavori sono stati interrotti per una breve cena buffet intorno alle 20.00 e hanno ripreso alle 21 con la ripresa del dibattito politico. Il congresso si è svolto in modo aperto permettendo di fare intervenire al dibattito anche chi non ha aderito a Repubblica Viareggina. Dal dibattito politico è emersa la necessità di contrastare i venti fascisti e razzisti che hanno ripreso a soffiare ovunque ma anche la totale alternatività al PD e ad ogni forma di centrosinistra. Le lotte sociali e l’auto-organizzazione sono state il punto centrale su cui incentrare il perno dell’azione politica. Severa la critica all’amministrazione Del Ghingaro giudicata estranea alla vita reale della città e interessata a favorire interessi dei privati a scapito del bene comune. Positivamente è stata valutata la mobilitazione dello scorso 10 ottobre promossa dall’Unione Inquilini che ha visto scendere in piazza non solo chi lotta per il diritto alla casa, ma anche lavoratori, disoccupati e comitati ambientalisti. E stata ribadita l’importanza di scendere nuovamente in piazza per opporsi all’arroganza, senza eguali, nella storia della città degli attuali amministratori.

Il congresso ha poi provveduto ad approvare il documento politico, lo statuto e ad eleggere i nuovi dirigenti tutti eletti in modo unanime. Sarà Luna Caddeo, classe 1984, la portavoce dell’organizzazione. Oltre a Luna Caddeo sono stati eletti Antonella Ricchi responsabile di organizzazione e Sergio Vanni vice responsabile di organizzazione e Chiara Giorgi tesoriera. Nel collegio di garanzia sono stati eletti Alessandro Giannetti, Filippo Antonini, Michelangelo Di Beo.

Il congresso ha deciso, inoltre, di dedicare il proprio circolo alle donne dell’insurrezione viareggina che nel 1920 parteciparono alle giornate rosse.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


6 + = quattordici