100 anni di Dada, 10 anni di Dada Viruz, 2 anni di Dada Boom. Auguri dadaisti!

dada 100

Il 5 febbraio del 1916 nasceva, a Zurigo, ufficialmente il movimento dadaista. E’ passato un secolo, tondo tondo, ma il dadaismo sembra non sentirlo e spruzza ancora energia ed entusiasmo da tutti i pori.

Diceva Tristan Tzara“Dio e il mio spazzolino sono Dada, e anche i new yorkesi possono essere Dada se non lo sono già.” “E i viareggini sono Dada?” ci chiediamo noi.

Sicuramente non lo è chi è ossequioso, banale, modellato, inserito, omologato. Forse lo è chi prova a stare fuori da tutti i cori e continua a dissacrare e provocare.

Il dadaismo nacque nel contesto della prima guerra mondiale e si caratterizzò come rifiuto di essa e delle conseguenti barbarie che aveva prodotto. Critico con il manierismo e tutte le rigidità classiciste fu un movimento internazionale e internazionalista. Internazionale nel senso che gli artisti Dada erano presenti in moltissimi paesi. Internazionalista nel senso che si spostavano di continuo da paese a paese contaminandosi. Ma la critica all’arte e alla cultura dominante si spinse oltre fino a definire il movimento anti – arte. Il dadaismo appare quindi nella sua essenza una corrente rivoluzionaria che contagerà anche filoni di pensieri artistici successivi tra tutti il surrealismo.

Quest’anno oltre al centenario del movimento dadaista ricorre il decennale del blog di informazione anticapitalista Dada Viruz Project e compie due anni l’Officina d’arte fotografica e contemporanea “Dada Boom”. Quindi a Viareggio non mancheranno gli appuntamenti Dada. E proprio nella notte tra il 5 e 6 gli attivisti di “Dada Boom” hanno attaccato, in alcuni luoghi degradati della città, alcuni manifesti che ricordavano il centenario di Dada. Una pattuglia della polizia ha fermato cinque attivisti prendendone le generalità.

Il 2016 si annuncia ricco di eventi per gli amanti di Dada. Molte saranno sorprese inaspettate. Annunciamo che come Dada Viruz Project stiamo lavorando all’uscita di un libro che racconti le lotte e il vissuto di questi nostri dieci anni.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


4 × = otto