Il Gruppo Autonomo Viareggio contro i DASPO di piazza

WP_20160318_19_14_12_Pro

Il DASPO di Piazza è l’ennesimo strumento repressivo che il potere cerca di usare contro chi dissente. Si tratta di uno strumento controverso che potrebbe essere ritenuto anche anticostituzionale.

All‘inizio di gennaio la questura di Pisa ha avviato sei procedimenti che porteranno al DASPO per altrettante persone, con il conseguente divieto di frequentare lo stadio e assistere a eventi sportivi. La colpa di queste persone è quella di aver partecipato a una manifestazione contro la Lega il 14 novembre, ma fino a ora non è pervenuta alcuna denuncia. Siamo di fronte a un uso innovativo della diffida, utilizzata in questo caso in riferimento a eventi totalmente slegati dal mondo del tifo o dello sport; in particolare è la prima volta in Italia che vengono avviati questi procedimenti per un corteo. L’ipocrisia e l’arroganza del potere non hanno però scoraggiato i compagni pisani che lottano questa porcata. Anche a Viareggio non è mancata la solidarietà sia attraverso raccolte di firme, sia attraverso striscioni ma soprattutto con l’iniziativa che il Gruppo Autonomo ha promosso lo scorso venerdì 18 marzo presso il Cantiere Sociale dove in un incontro dibattito con compagni e ultras pisani si è approfondito il tema. Dopo il dibattito c’è stata una cena sociale di autofinanziamento.

La campagna contro il DASPO di piazza continua e anche noi la seguiremo con attenzione perché le libertà non vanno cancellate o ristrette.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove − 5 =