A Lucca è Nato “Il Tafferuglio cronache del mondo di sotto”

12992980_10205608872530363_517446533_n

Si è svolto, sabato 9 aprile presso la biblioteca popolare di San Concordio a Lucca, un interessante dibattito sull’informazione grazie all’occasione data dalla presentazione del nuovo giornale lucchese “Il Tafferuglio cronache del mondo di sotto”

Una sessantina di persone hanno partecipato ad un dibattito vivace e interessante dal titolo “Informare per sovvertire il presente” a cui sono intervenuti anche esponenti del Riscatto di Pisa di Dada Viruz Project Informazione Anticapitalista di Viareggio e Red Star Press di Roma.

Dal dibattito è emersa l’importanza di un’informazione non solo libera dagli interessi padronali ma antagonista ad essi. Il Giornalismo ufficiale è ormai un mezzo di distrazione di massa, una fabbrica di consenso per chi governa. E dato che il giornalismo ufficiale ha scelto di essere nemico dei movimenti sociali e delle lotte proletarie diviene ancora più impellente costruire strumenti di informazione che nascano tra i bisogni di chi lotta.

Come Dada Viruz Project nel nostro decennale abbiamo partecipato, con entusiasmo, a questa iniziativa dei compagni di Lucca e auguriamo al Tafferuglio lunga vita.

Diceva George Orwell “giornalismo è pubblicare ciò che altri non vogliono sia pubblicato” per questo continueremo non solo a dare voce ma a stare dalla parte di chi resiste e lotta: siano lavoratori che scioperano o disoccupati che fanno un blocco stradale, siano sfrattati che occupano case o siano immigrati che scappano da guerre, siano ultras che resistano alla repressione o siano LGBTQ che vogliono vivere la loro sessualità come meglio credono.

Mentre a Lucca c’era questo importante dibattito migliaia di persone sfilavano, contemporaneamente, per le vie di Firenze contro la repressione ma nessun giornale di regime dava la notizia.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− uno = 4