Ma quali vandali i writers sono artisti da strada

12961607_10206567766538352_4732346384786432393_n

I writers da sempre sono stati criminalizzati dall’informazione di regime.

Per anni il grande artista Blu regalava, specialmente a Bologna, illegalmente i suoi capolavori alle città ma qualche ignorante continuava a giudicare le sue opere azioni teppistiche. Alla fine anche le istituzioni ne hanno riconosciuto il valore e hanno provato ad appropriarsi delle sue opere e lui ha deciso giustamente di cancellarle perché per Blu l’arte deve stare fuori dalla mercificazione e dai canali ufficiali del potere.

A Viareggio nella zona tra le piscine comunali e il centro sociale SARS ci sono decine e decine di questi murales che con colore e fantasia hanno sconfitto il grigio dei muri di una città sempre più abbandonata a se stessa. A far discutere in questi giorni è la nuova provocazione di uno di questi artisti da strada, Lozzo. Lozzo, così il nome d’arte con cui firma i suoi pezzi, è tornato a colpire sulla facciata del municipio di Viareggio con un graffito perfettamente raffigurante il sindaco Giorgio Del Ghingaro e la scritta in dialetto “Svendo anche tu ma”. Il riferimento alle politiche dell’amministrazione che vuole vendere il patrimonio pubblico è evidente. Si tratta di una protesta artistica che ha diviso l’opinione pubblica tra chi ha apprezzato lo stile e compreso le motivazioni politiche e sociali del gesto e chi con moralismo saccente si è limitato a liquidare tale gesto come un gesto vandalico. In questo modo si sono espressi anche alcuni giornalisti con il titolo su di una testata online. Forse siamo buoni a chiamare giornalisti chi pubblica solo i riassuntini delle questure spacciando il tutto poi per articoli. Rimane il fatto che per noi, che facciamo da dieci anni mediattivismo, è importante dare voce a quella gioventù che esprime forme artistiche e proteste sociali fuori dagli schemi tradizionali per questo salutiamo positivamente l’azione di Lozzo.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 × nove =