Repubblica Viareggina si schiera contro la “riforma” costituzionale di Renzi

viva la costituzione

Infatti, senza entrare nei dettagli tecnici, ci saranno modi e tempi opportuni, la cosiddetta “riforma Boschi” non è altro che un vero e proprio stravolgimento della nostra Carta costituzionale, nata dalla Resistenza dopo venti anni di dittatura fascista.

Con correzioni inopportune e pasticciate, slogan propagandistici e populisti quali “efficienza”, “risparmio” e “diminuzione dei senatori”, si vanno a cambiare, se non a stravolgere ben 45 articoli della Costituzione su 139, minando alla radice l’intero impianto strutturale, ed in particolare l’art. 1 della Costituzione, il quale recita “La sovranità appartiene al popolo…”.

Tali “riforme”, a maggior ragione se lette in rapporto con la nuova legge elettorale c.d. “Italicum”, sono tutte orientate all’umiliazione del Parlamento nella sua prima funzione, la funzione rappresentativa.

Infatti, la cancellazione dell’elezione diretta dei senatori, la drastica riduzione dei componenti, lasciando immutato il numero dei deputati, i listini bloccati nelle elezioni e le nomine regionali, vanno a colpire la rappresentanza politica e gli equilibri del sistema istituzionale, evidenziando il vero obiettivo della riforma che è lo sbilanciamento a favore dell’esecutivo e l’allontanamento della gente comune dalla vita politica.

Il premier Renzi, facendo poi marcia in dietro, ha legato il suo destino politico all’esito del referendum di ottobre, un altro buon motivo per votare “NO” e mandare a casa un governo che ha fatto del precariato ( job act, la buonascuola, gli ottanta euro…) e dell’amicizia con i poteri forti la propria bandiera amministrativa.

Da ultimo, vogliamo esprimere la nostra solidarietà all’ANPI che sta portando avanti questa battaglia, contro la “riforma” costituzionale in favore della democrazia, con coraggio e senza timore dei duri attacchi che provengono dal Governo, dal PD e dai pennivendoli del potere (Battisti e Rondolino), consapevoli, ancora oggi, che la Costituzione non solo va difesa ma anche attuata, soprattutto in materia di accoglienza, di pace e di diritti, in particolare nel mondo del lavoro.

Luna Caddeo

per Repubblica Viareggina

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


6 − = quattro