Cantiere Sociale: A Camaiore chi voleva bastonare gli stranieri non ha fatto una ragazzata

n100001065360258_3912L’episodio avvenuto a Camaiore nella notte tra lunedì e martedì è estremamente inquietante. La diffusione di una falsa notizia su un presunto rapimento da parte di alcuni magrebini ha scatenato delle vere e proprie ronde armate, di fascista memoria. Non è possibile derubricare tutto ciò a semplice ragazzata. Quello che è avvenuto infatti è il frutto di un clima esacerbato di tensione, alimentato ad arte dalle destre che cercano di indirizzare lo scontento sociale verso gli immigrati. Creando non poca confusione tra i (pochi) richiedenti asilo che sono inseriti in un percorso di protezione (finanziato dalla UE) e la popolazione straniera residente sul nostro territorio: Non è superfluo ricordare come in Versilia esista una comunità magrebina inserita da anni nel tessuto sociale. L’insicurezza sociale, causata dal progressivo smantellamento dello stato sociale portato avanti dai governi che si sono succeduti in questi anni (PD in primis), ha creato un terreno fertile per le propagande razziste delle nuove e vecchie destre che indicano nel migrante il capro espiatorio di tutti i mali. L’antifascismo e l’antirazzismo sono valori fondanti del Cantiere Sociale. Quello che è avvenuto è un preoccupante campanello d’allarme che per un niente non è finito in tragedia. Da parte nostra, come già in passato, non esiteremo un attimo a impegnarci in prima persona affinché i rigurgiti del nostro peggiore passato vengano disinnescati e per tutelare la democratica convivenza.

Cantiere Sociale Versiliese

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 6 = sette