Cantiere Sociale: Grave che a Viareggio non si assegnino più le residenze in via dei Vageri

resid-300x177

Mentre da una parte c’è chi prova a dare risposte concrete al problema delle residenze in questa città, dall’altra parte c’è chi usa e abusa della burocrazia per bloccare processi di integrazione e di ripresa dei diritti. Questo è quanto succede oggi a Viareggio. Come Cantiere Sociale ci eravamo resi disponibili per dare i domicili all’interno dell’ex INAPLI ma questa possibilità ci è stata negata, per sopperire all’assenza di politiche sociali e meccanismi burocratici che non permettono a persone che vivono sul territorio di fruire a necessità di vitale importanza come ad esempio la possibilità di fruire di un servizio medico o addirittura alla possibilità di riscossione della pensione.
Ci chiediamo allora del perché tempi indietro le residenze potevano essere dati come nell’esempio dei senza tetto in via dei Vageri e ad oggi invece questo “servizio” non sia più utilizzabile da parte di chi vive una situazione di disagio reale, e che blocca di fatto l’accesso a tutta una serie di diritti imprescindibili e che gettano le persone sempre più in un limbo dal quale è difficile uscire.
Ci chiediamo come la macchina della burocrazia possa scavalcare persino la dignità delle persone e davanti alla richiesta d’aiuto questi risultino sordi. .
La domanda che ci facciamo è chiara e precisa, e la poniamo direttamente agli uffici di competenza del comune di Viareggio, nello specifico quelli dell’anagrafe. :
Perché non c’è la possibilità di poter richiedere le residenze in via dei Vageri? Quali sono i requisiti che permettono di poter accedere a questo servizio?
Noi continueremo la nostra lotta a fianco di chi con questo diritto vuole sollevarsi da uno stato di passività, di chi vuole diritti ma trova burocrati, di chi non ci sta e vuole vivere e non sopravvivere.
Alessandro Ravenna presidente del Cantiere Sociale Versiliese

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


7 × cinque =