Camaiore: Gli Anticapitalisti sono scesi in piazza per il “No Sociale”

referendum-costituzionale-no

Stamani Venerdì 2 dicembre presso il mercato di Camaiore un gruppo di realtà anticapitaliste hanno volantinato in merito al referendum del prossimo 4 dicembre. Sono stati distribuiti centinaia e centinaia di volantini dove spiegano le ragioni del votare No. Qui sotto il testo integrale

Nata dal sacrificio dei nostri partigiani, la costituzione, va rispettata. Nonnstravolta ma applicata.


Le schifezze della riforma
Dietro il progetto di cambiamento della carta da parte del trio “Boschi – Verdini –
Renzi” si celano la grande finanza internazionale e i poteri forti. Un testo scritto con i
piedi che ci conferma che il cambiamento non è sinonimo di riforma.
Il senato non sarà abolito ma nominato, aumenteranno le firme per i referendum, ci sarà
una legge elettorale che farà in modo che la lista politica che arriva prima magari solo
con il 20% dei voti degli elettori si prenda il 54% dei seggi. L’esecutivo sovrasterà gli
altri poteri.
Il No cosa comporta
Il terrorismo mediatico dei circoli dominanti del capitalismo ha annunciato maledizioni
alla Tutankhamon. Banche che falliranno e avvento di pericolosi populismi e fascismi.
Noi che siamo antifascisti per natura ci teniamo a dire che niente è più falso. In caso di
vittoria del No, che auspichiamo, non succederà niente di grave sarà solo salvata la carta
costituzionale. Se il premier deciderà di dimettersi ci sarà una normalissima crisi
parlamentare che dovrà gestire il Presidente della Repubblica come è avvenuto,
normalmente, ogni volta che un presidente del consiglio si è dimesso.
Il No Sociale
Non tutti i No, sono uguali c’è chi come Salvini e Grillo votano No per cacciare Renzi da
palazzo Chigi, c’è chi come Berlusconi vota No per poi trattarci, c’è chi vota No come
Bersani e D’Alema per riprendersi il partito e poi c’è chi come noi vota No per difendere
la costituzione e perché ha un progetto di società diverso. Senza capi e leader ma dove
tutte e tutti possano contare. In questi giorni siamo scesi nelle piazze a migliaia e
migliaia ma le TV di regime ci hanno oscurato perché a Renzi fa comodo far credere che
l’unica opposizione sia quella del razzista Salvini o del populista Grillo. C’è in realtà
un’opposizione sociale che sta crescendo e che ha contrastato la precarietà del Job Act, la
devastazione della scuola pubblica, che dice di no ogni giorno ai danni fatti dal ministro
Lupi sul piano casa e che vuole costruire dal basso un’altra sinistra e soprattutto un’altra
società.

Il 4 dicembre noi votiamo No!

Dada Viruz, Dada Boom

NE’ FASCISTI NE’ DEMOCRATICI

ANTICAPITALISTI SEMPRE

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre × = 15