Anche da Viareggio si prepara la protesta contro il G7 di Lucca

a481baf35baae9ed3bb93b9c372b5ac8

Si è svolta venerdì 31 marzo, al Cantiere Sociale, un’assemblea molto partecipata con la presenza dei compagni di Lucca del coordinamento contro il G7, che hanno spiegato le iniziative in programma nel controvertica. Nei giorni 8 e 9 aprile al Foro Boario ci saranno dibattiti e approfondimenti sui temi della guerra, delle migrazioni e delle nuove povertà, sulle spese inutili, sulla precarietà e l’assenza di diritti. Interverranno precari, migranti e tutti quei soggetti che resistono e si oppongono alle politiche liberiste. Lunedì 10 aprile ci sarà il corteo alle 16 da piazza Don Baroni. Anche da Viareggio diverse realtà si stanno attivando. Cantiere Sociale, Repubblica Viareggina, CSOA SARS, Officina Dada Boom, PCL, FGC, COBAS; Partigiani Sempre, Rifondazione Comunista, Brigata Sociale Antisfratto, Unione inquilini, Donne in Cantiere solo per citare alcune delle forze critiche al summit che hanno partecipato all’assemblea del 31 marzo. Nei prossimi giorni ci saranno volantinaggi,

Il Cantiere Sociale intanto prende posizione e ne pubblichiamo qua sotto il comunicato

Il Cantiere Sociale Versiliese aderisce alla mobilitazione e alle iniziative contro il summit del G7 di Lucca dei ministri degli esteri, partecipando alla manifestazione di lunedì 10 aprile. La scelta dell’opposizione a questa inutile parata di ministri nasce dalla natura stessa del progetto del Cantiere, cioè la pratica condivisa nelle scelte decisionali da parte della popolazione sul proprio futuro che dovrebbe tendere verso la pace e l’equità sociale. Tali pratiche sono lontane anni luce dalla stessa forma dei G7 che fin dal tempo delle giornate del 2001 a Genova hanno dimostrato la loro lontananza dai bisogni reali delle popolazioni del mondo e l’arroganza dei potenti che muovono le fila del pianeta. In particolare rispetto alle politiche estere dei governi del’G7, il fallimento è sotto gli occhi di tutti, il pianeta dall’inizio del millennio è stato gettato in una delirante spirate di guerra di conquista e terrorismo causato principalmente dalle politiche neoliberiste e dalle guerre di rapina connesse. Pensiamo al Medio Oriente che dopo le fallimentari guerre In Afganistan e Iraq, è stato gettato in un dramma senza fine. Facendo scaturire dallo stesso magma di odio le forme di terrore che l’occidente dice di combattere (come l’ISIS o altri gruppi) ma che in precedenza proprio gli stessi governi hanno sostenuto e finanziato. Le conseguenze di questo drammatico e cinico risiko geopolitico ha creato drammi anche per la popolazione europea colpita da infami attacchi terroristici. I 7 grandi causano guerre e finanziano terroristi ma le conseguenze vengono pagate dalle popolazioni che vedono prendere decisioni sopra la proprie teste senza poter opporsi o protestare. Più che mai siamo concordi con lo slogan delle giornate di opposizione al G7 …..Vostre sono le guerre ma nostri sono i morti….e per questo ci opporremo al G7 di Lucca

Cantiere Sociale Versiliese

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


2 × = sei