Coltiviamo la memoria della nostra storia a partire dalle giornate rosse viareggine

Si è conclusa all’Officina Dada Boom la terza importante giornata di commemorazione delle giornate rosse che nel 1920 videro il popolo viareggino insorgere e proclamare la repubblica. Un’iniziativa ludica caratterizzata da entusiasmo ma soprattutto dalla voglia di tenere viva la memoria di una città che fu ribelle ed estroversa, anarchica e socialista.

Stefano Pasquinucci si è mosso con disinvoltura all’interno dell’Officina Dada Bomm annunciando altri eventi per il futuro per ricordare quelle gloriose giornate.

Nei giorni precedenti a Villa Argentina c’erano state altre due intense giornate: La prima dedicata all’inquadratura storica di quelli avvenimenti con interventi di Amalia Caprili, Andrea Genovali, Carlo Giorgetti e di Andrea Ventura che dirige l’istituto storico della resistenza di Lucca. La seconda giornata è stata interamente dedicata alle poesie con il significativo contributo del poeta viareggino Renato Gerard, nipote di uno dei capi rivolta di quelle giornate.

Questa commemorazione è stata organizzata dal Comitato 2 maggio, dalla Fondazione Milziade Caprili, da Viareggio Ok e dall’Officina Dada Boom che hanno anche richiesto ufficialmente all’amministrazione comunale di intitolare una piazza del mercato a quelle giornate.

E’ questo solo l’inizio di un lungo percorso che dovrà portare a festeggiare degnamente il centenario tra tre anni.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


5 − = tre