Quattro giorni di mobilitazione contro sfratti e per il diritto all’abitare promossi da UI e BSA

“Dai diamanti non nasce nulla dalle lotte nascono i fiori.” Questa scritta assieme al graffito dei fiori realizzato dal collettivo Dada Boom, alla casa recuperata di Torre del Lago nella seconda delle quattro giornate di mobilitazione per il diritto all’abitare promosse da Brigata Sociale Antisfratto e Unione inqulini, rende bene l’importanza della lotta.

Sabato 7 ottobre tutte le case occupate di Viareggio hanno esposto striscioni con su scritto: “Sfratti Zero verso il 10 ottobre.” Domenica 8 ottobre c’è stata alla casa recuperata di Torre del Lago una giornata ricca di energia ed entusiasmo, con merende e giochi per i bambini curata dai militanti della Ludoteca Indiani del Quartiere e con un murales, musica, merenda e interventi politici. Una giornata partecipata che ha visto la presenza di quasi tutti gli abitanti delle case recuperate nonché di militanti politici del Cantiere Sociale, Repubblica Viareggina, Rifondazione Comunista, Communia e CSOA SARS. La casa di Torre del Lago è diventata il simbolo della mobilità abitativa dopo che una famiglia è riuscita a rimetterla in sesto e a riconsegnarla quando non ne aveva più bisogno permettendo ad altri di subentrarvi. Insomma quello che dovrebbe fare una normale amministrazione comunale funzionante è stato fatto dal basso in completa autogestione.

Lunedì 9 ottobre è stato il giorno della denuncia. Una trentina di militanti di Unione Inquilini e Brigata Sociale Antisfratto hanno voluto sanzionare, appendendo striscioni, alcuni stabili pubblici e privati lasciati in stato di abbandono e degrado. Uno striscione è stato appeso anche davanti al municipio per chiedere il blocco degli sfratti e per chiedere il diritto alla residenza per tutti. Infatti senza residenza si perdono un’altra serie di diritti come quello al voto o quello ad avere un medico della mutua o potere avere un libretto postale. Martedì 10 i militanti di Unione Inquilini e della Brigata Sociale Antisfratto hanno dato vita ad un volantinaggio porta a porta nel quartiere Varignano ribadendo l’importanza della lotta e dell’autorganizzaione.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sei + 7 =