Repubblica Viareggina interviene sulla vicenda dell’acqua staccata alla madre e ai suoi figli

Sempre più nuclei famigliari non sono più in grado di pagare le bollette, e questo perché Gaia spa ha come obiettivo principale l’utile e non l’interesse dei cittadini. L’acqua è un bene primario pubblico e indispensabile per la vita.
In questi giorni GAIA spa, ha staccato l’acqua ha una donna in difficoltà economiche, madre di tre bambini, di cui uno molto piccolo. La donna si è rivolta agli Assistenti Sociali del Comune di Viareggio chiedendo aiuto, ma la risposta è stata del tutto fuori dalle righe, dato che invece di attivarsi perché Gaia spa, applicasse il riduttore idrico, come aveva promesso in una delle tante riunioni fatte con il Comitato Acqua Alla Gola, le hanno consigliato di dare in affidamento i propri figli.

Oltre alla prepotenza di Gaia spa, denunciamo l’incapacità e l’inadeguatezza dei Servizi Sociali del Comune di Viareggio, ma vogliamo anche denunciare il fatto che in questo caso a parere nostro c’è una violenza sulla donna, madre di tre figli, già in forte difficoltà a cui i servizi sociali hanno di fatto voltato le spalle.

Repubblica Viareggina esprime tutta la sua solidarietà alla donna e ai suoi bambini.Sempre più nuclei famigliari non sono più in grado di pagare le bollette, e questo perché Gaia spa ha come obiettivo principale l’utile e non l’interesse dei cittadini. L’acqua è un bene primario pubblico e indispensabile per la vita.
In questi giorni GAIA spa, ha staccato l’acqua ha una donna in difficoltà economiche, madre di tre bambini, di cui uno molto piccolo. La donna si è rivolta agli Assistenti Sociali del Comune di Viareggio chiedendo aiuto, ma la risposta è stata del tutto fuori dalle righe, dato che invece di attivarsi perché Gaia spa, applicasse il riduttore idrico, come aveva promesso in una delle tante riunioni fatte con il Comitato Acqua Alla Gola, le hanno consigliato di dare in affidamento i propri figli.

Oltre alla prepotenza di Gaia spa, denunciamo l’incapacità e l’inadeguatezza dei Servizi Sociali del Comune di Viareggio, ma vogliamo anche denunciare il fatto che in questo caso a parere nostro c’è una violenza sulla donna, madre di tre figli, già in forte difficoltà a cui i servizi sociali hanno di fatto voltato le spalle.

Repubblica Viareggina esprime tutta la sua solidarietà alla donna e ai suoi bambiniSempre più nuclei famigliari non sono più in grado di pagare le bollette, e questo perché Gaia spa ha come obiettivo principale l’utile e non l’interesse dei cittadini. L’acqua è un bene primario pubblico e indispensabile per la vita.
In questi giorni GAIA spa, ha staccato l’acqua ha una donna in difficoltà economiche, madre di tre bambini, di cui uno molto piccolo. La donna si è rivolta agli Assistenti Sociali del Comune di Viareggio chiedendo aiuto, ma la risposta è stata del tutto fuori dalle righe, dato che invece di attivarsi perché Gaia spa, applicasse il riduttore idrico, come aveva promesso in una delle tante riunioni fatte con il Comitato Acqua Alla Gola, le hanno consigliato di dare in affidamento i propri figli.

Oltre alla prepotenza di Gaia spa, denunciamo l’incapacità e l’inadeguatezza dei Servizi Sociali del Comune di Viareggio, ma vogliamo anche denunciare il fatto che in questo caso a parere nostro c’è una violenza sulla donna, madre di tre figli, già in forte difficoltà a cui i servizi sociali hanno di fatto voltato le spalle.

Repubblica Viareggina esprime tutta la sua solidarietà alla donna e ai suoi bambini.

Repubblica Viareggina per i beni comuni

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× 2 = sedici