Partito Comunista : NO ai licenziamenti della Ponsi


Con il licenziamento di 17 lavoratori la Ercos vuole porre fine all’esistenza del polo produttivo versiliese e sfruttarne solo il prestigioso marchio Ponsi delocalizzando la produzione e infischiandosene della sorte di 66 lavoratori.
Siamo dinanzi all’ennesima delocalizzazione dove la politica si è dimostrata serva del capitale e dove i sindacati non riescono a porre una risposta adeguata ai bisogni dei lavoratori che dovrebbero tutelare .
” Mentre centrodestra e centrosinistra continuano ad applicare i diktat antipopolari , a Viareggio ma anche in Toscana e in Italia, i lavoratori continuano a pagare il prezzo di una crisi creata dai padroni ” afferma Katiuscia Marchetti , candidata per la Camera nelle liste del Partito Comunista nella provincia di Lucca.
A niente servono gli incontri con la regione , è già fallito l’accordo di luglio che prevedeva 21 ore lavorative a settimana e i padroni della Ercos sembrano inamovibili nel voler chiudere il sito in via dei Ghivizzani , proponendo un non meglio precisato prepensionamento.
“L’unica soluzione è la nazionalizzazione e la gestione dell’azienda da parte dei lavoratori che possono benissimo produrre senza i padroni” continua Marchetti .
Partito Comunista Versilia

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove × 9 =