La Collettiva Vogliamo la Luna in difesa della Casa delle Donne

Rispondendo al sindaco Del ghingaro, e non solo, anche alla sua consigliera sigra Consani, e non ultimo al sig Miracolo, la Casa delle donne è da anni riconosciuta in quell’edificio, cosi facilmente identificabile,e allo stesso tempo cosi intimo, quasi nascosto ad un pubblico curioso, cosi da dare maggior sicurezza, a tutte quelle donne che purtroppo hanno avuto bisogno di aiuto nel loro cammino. E proprio lì, in quella tranquillità, in quel rifugio tra gli alberi, donne che hanno subito maltrattamenti, trovano la forza, e il coraggio di raccontarsi, di tirare fuori quello che tengono dentro anche da anni. Sbagliatissimo spostare la Casa delle Donne da lì, non troverete mai un edificio e un luogo altrettanto adeguati!
Pertanto caro sindaco,signora consigliera e sig.Miracolo la difesa di quel casa da parte di quelle realtà sociali e politiche che in particolare il sig.Miracolo definisce strumentali e atti a bloccare il cambiamento nella verità dei fatti oltre a difendere un luogo indispensabile per le donne così com’è, voglio combattere la vecchia politica della svendita e della privatizzazione del suolo pubblico. Niente di nuovo sotto il sole. La casa delle donne no si vende né ora né mai.
Collettiva vogliamo la luna

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− quattro = 2