In tanti al corteo dei “No Asse” l’amministrazione comunale di Viareggio in difficoltà

Il coordinamento No Asse ha invitato alla mobilitazione e, sabato 7 aprile, una buona parte della città ha risposto con la presenza. Si è trattata di una importante giornata di lotta caratterizzata da un presidio davanti al municipio e poi da un corteo fino alla palazzina di via Indipendenza, quella che l’amministrazione di Giorgio Del Ghingaro vorrebbe abbattere, nonostante vi abitino nove famiglie, per farci passare una strada dannosa per il futuro della città quella che viene chiamata “asse di penetrazione” dai cittadini e che viene impropriamente chiamata “via del mare” dalla propaganda di chi ormai dal 2015 mal governa la città ignorando le critiche della cittadinanza. Ad aprire il corteo lo striscione “No Asse per il beni comuni, la salute, l’ambiente.”

Il corteo colorato e vivace segna sicuramente un punto a favore di chi lotta con coerenza contro l’ennesimo eco – mostro, che porterebbe all’abbattimento di diverse centinaia e centinaia di alberi con danni incalcolabili anche per la fauna.

Alla mobilitazione hanno aderito numerose sigle Amici degli Orti Urbani di via Goito (Livorno), Amici della Terra Versilia, Associazione cittadini contro la discarica Ex cava Viti (Montignoso), Associazione per la Tutela Ambientale della Versilia, Berretti Bianchi Viareggio, Brigata Sociale Antisfratto, Cantiere Sociale Versilia, Cobas Versilia, Comitato Marco Polo, Comitato per la Salvezza della Pineta, Comitato Via Matteotti, Communia Viareggio e Versilia, Italia Nostra, Legambiente Versilia, Movimento 5Stelle Viareggio, Movimento Consumatori Viareggio, Officina Dada Boom, PCI Viareggio, Potere al Popolo Viareggio, Repubblica Viareggina, Rete Ambientale della Versilia, Rifondazione Comunista Viareggio, Unione Inquilini, WWF Alta Toscana. 

Ad essere presenti erano, però soprattutto, tantissime cittadine e cittadini di Viareggio che vogliono essere protagonisti delle decisioni della città e che vogliono difendere il parco da eventuali progetti speculativi. Infatti in piazza hanno sfilato diverse centinaia di persone forse più di 300 che hanno di fatto dato vita ad una delle più grandi manifestazioni degli ultimi anni a Viareggio, seconda solo a quella di “Viareggio non si vende” del 4 giugno 2015 anche quella contro l’amministrazione colpevole di svendere il patrimonio pubblico. Nel corteo di sabato ha sfilato anche un goliardico mascherone, realizzato da una artista dell’officina Dada Boom, rappresentante un Giorgio Del Ghingaro seduto sul WC. Presente anche il neo senatore del Movimento Cinque Stelle, Gianluca Ferrara, che ha ribadito la sua totale contrarietà all’opera.

Non sappiamo quale sarà la reazione di Del Ghingaro ma dopo la giornata di sabato 7 aprile, se avesse un minimo di lungimiranza, dovrebbe comprendere che l’opposizione al suo progetto di dividere in due Viareggio, con una strada pericolosa e inquinante, è destinata a crescere. Nei mesi passati erano state raccolte dal Coordinamento No Asse oltre 2300 firme contro questo progetto che non piace alla maggioranza delle viareggine e dei viareggini. Dopo il corteo molte persone si sono spostate in Piazza Margherita dove dalle 17 si è svolto un presidio promosso dal coordinamento della sanità, nella giornata europea e mondiale di azione contro la commercializzazione della salute.

E’ stato ribadito nel volantinaggio e negli interventi che le vite delle persone devono valere di più dei profitti dei soliti noti. Mentre si chiudono ospedali e si tagliano fondi alla sanità si trovano soldi per operazioni devastanti del territorio come quella dell’asse di penetrazione. E’ giunto il momento di unire le lotte perché salute e ambiente sono beni comuni che vanno strappati alle logiche perverse del profitto capitalistico.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


1 + = tre