In tanti per chiedere la chiusura della base di Camp Darby

Un pezzo di parco espropriato alla comunità dagli occupanti nordamericani che con la loro base minacciano la sicurezza di tutte/i. Camp Darby è un mostro, nel cuore della Toscana, contenente armi chimiche e nucleari. Adesso i “padroni del mondo” vorrebbero costruirvi anche una ferrovia per portarvi con più facilità gli armamenti.

Contro queste logiche di guerra, care al capitalismo e all’imperialismo, si è svolta il 2 giugno, giornata in cui le forze armate sfilano con la scusa di festeggiare la Repubblica, una manifestazione con diverse centinaia e centinaia di persone. Circa 600 persone, molte con bandiere rosse, sono partite dalla chiesa di San Piero Grado e sono arrivati davanti ai cancelli della struttura militare per contrastare la costruzione del nuovo progetto ferroviario e per chiedere la chiusura di questa base. Presenti molti partiti comunisti e diverse associazioni della sinistra. Da Viareggio era presente con lo striscione anche il Cantiere Sociale Versiliese.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 3 = undici