Balordi hanno attaccato il museo popolare della pineta ma è già stato rimesso tutto in ordine

Balordi, altri aggettivi non esistono, nella notte hanno vandalizzato alcune opere del museo popolare della pineta. Dove non era riuscito nemmeno il temporale sono arrivati i soliti noti o ignoti (poco conta) a scaricare le loro frustrazioni. Ma poco importa era già tutto nel conto e una squadra di attiviste/i si è adoperate per rimettere tutto in ordine e ripristinare anche i cartellini che erano stati strappati. Altre opere, poi, arriveranno a breve. Ci vuole ben altro per fermare questa forma di resistenza.

Pubblichiamo la nota che ci hanno fatto pervenire dal museo

Viareggio 20 luglio 2018
Come previsto ci sono stati i primi atti di vandalismo su alcune opere del neonato Museo Popolare della Pineta. E come previsto abbiamo già risistemato le opere vandalizzate. Forti del sostegno ottenuto dalle tante persone che hanno partecipato alla festa di inaugurazione continuiamo la nostra azione di valorizzazione e difesa di questo patrimonio naturalistico che gli speculatori vorrebbero abbattere.
Approfittiamo dell’occasione per ringraziare chi ci sta sostenendo e per annunciare l’inserimento di nuove opere nei prossimi giorni e la preparazione di nuovi eventi per il mese di agosto.
L’arte e la creatività sono come un araba fenice capace di risorgere continuamente dalle proprie ceneri. Per questo qualsiasi atto vandalico può solo dare più forza al nostro progetto.
Tenete d’occhio il nostro sito https://museopineta.wordpress.com
Lunga vita alla pineta!!

Dir. artistico dott. Muschio Selvatico
Res. ambiente dott.ssa Costanza Riciclabile

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

One Response to Balordi hanno attaccato il museo popolare della pineta ma è già stato rimesso tutto in ordine

  1. Alessandra says:

    Vi dico ora che verrò con un amico artista di Empoli che desidera aderire all’ampliamento del Museo della pineta, altri arriveranno a giorni. non pensiamo ai vandali pensiamo ai molti che ci aiuteranno a far crescere il Museo. Alerti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ sette = 15