Libertà di scelta vaccinale protesta anche a Viareggio

Pubblichiamo integralmente il comunicato del Gruppo Viareggio e Versilia per la Libertà di scelta

“Oggi è il primo giorno di scuola per molti bambini della Versilia, purtroppo molti grembiulini resteranno appesi negli armadi, anche nel nostro territorio, infatti stiamo assistendo ad episodi di allontanamento dai servizi educativi e scolastici di bambini nella fascia 0-6 anni perché ritenuti NON CONFORMI in base al decreto Lorenzin. Tutto questo sta avvenendo nel più completo silenzio da parte dell’opinione pubblica locale. Il momento è di grande confusione perché il governo di “ cambiamento “ ogni ora cambia idea sul da farsi. La maggior parte delle famiglie dei bambini non conformi sono state contattate dalle segreterie scolastiche nelle giornate di giovedì e venerdì scorso, a pochi giorni dall’inizio della scuola. A complicare la situazione è anche il comportamento diverso che i vari presidi hanno deciso di tenere in merito alla frequenza scolastica. Ci rendiamo conto che nemmeno il personale scolastico, dai presidi alla segreteria è preparato in merito al decreto Lorenzin, ma prende posizioni, alcune volte anche molto rigide. Non da ultimo, alcuni gironi fa, i NAS hanno fatto visita ad alcuni istituti scolastici per verificare le autocertificazioni sottoscritte dai genitori. Tutto questo a dimostrare quanto il clima sia caldo e fortemente discriminatorio nei bambini ,definiti NON CONFORMI. E’ quindi con ansia e incertezza che i bambini e le famiglie iniziano il nuovo anno scolastico, aspettandosi ogni giorno la lettera di espulsione. Nel frattempo però ciò che più ci indigna è il silenzio da parte dei rappresentanti politici locali come ad esempio quello del Senatore Ferrara M5S, o de consiglieri comunali Baldini, Trinchese, Pacchini e Pacilio che improvvisamente sono spariti proprio nel momento in cui le mamme vengono convocate dai servizi educativi e scolastici. Forse questi signori non sanno che sono circa una trentina i bambini a rischio espulsione e che molte famiglie sono state costrette a ritirali, per evitare improvvise interruzioni dei servizi? Forse i consiglieri comunali della Lega Nord mentre incontravano il ministro dell’ interno si sono dimenticati di sollecitarlo sulla questione espulsione scolastica? Forse il Senatore Ferrara, nonostante i suoi numerosi articoli sul “Fatto Quotidiano “, oggi ritratta le sue posizioni? Da loro, che sono i rappresentanti locali vogliamo risposte. Ricordiamo anche ai consiglieri comunali l’impegno politico che hanno preso in sede di consiglio comunale riguardo l’esclusione scolastica e di come in questo momento stiano venendo meno al loro impegno. Ci rivolgiamo anche al sindaco Giorgio Del Ghingaro, che pensi veramente alla sicurezza dei bambini monitorando giardini ed edifici scolastici; è infatti di pochi giorni fa la notizia della caduta di un albero all’interno del giardino di una scuola, questo è il vero pericolo per i bambini. Infine una domanda ai dirigenti scolastici che con tanta solerzia hanno deciso di applicare una legge ingiusta. Ci chiediamo se loro stessi e il personale scolastico sia in regola con le vaccinazioni e in che modo pensano di garantire la così detta “immunità di gregge “ all’interno degli edifici scolastici. O tale rigidità è riservata solo ai bambini? Un ringraziamento per la vicinanza invece a quei tanti cittadini che ci hanno dimostrato solidarietà e che continuano a sostenerci e a repubblica Viareggina che nei giorni scorsi si è dichiarata contro l’esclusione scolastica. Il Gruppo Versilia-Viareggio sta offrendo disponibilità e sostegno a tutte quelle famiglie che stamani non potranno usufruire dei servizi educativi per i loro figli e non smetterà mai di lottare per la Libertà di Scelta.”

Gruppo Versilia-Viareggio per la Libertà di Scelta,

Viareggio 17 settembre 2018.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


9 + otto =