Potere al Popolo contro l’autovelox a Pietrasanta

Potere al popolo Versilia chiede al comune di Pietrasanta e all’Anas di chiudere definitivamente l’autovelox sulla via Aurelia posto nel tratto immediatamente successivo al cavalcavia sull’autostrada A12 che sta facendo fioccare multe ai cittadini in direzione di marcia da Lido di Camaiore verso il centro di Pietrasanta. Siamo profondamente preoccupati per la sicurezza stradale degli automobilisti che ogni giorno percorrono quel tratto di strada e si trovano spesso in situazioni di autoveicoli costretti ad inchiodare pericolosamente in una zona oltretutto male illuminata e con asfalto pesantemente compromesso dal continuo passaggio di camion pesanti e soggetto a cattiva manutenzione. Un dispositivo che oltre a portarci un triste record nazionale e la ribalta mediatica (vedi servizi televisivi su reti nazionali) sta imponendosi come gabella classista su tutti i cittadini senza distinzione di reddito, visto che si parla di 10.000 multe solo dal periodo da metà settembre a ottobre, una media giornaliera di 200 contravvenzioni di cui la maggior parte per infrazioni nella fascia di superamento del limite entro i10 km/h. L’apparecchio sta anche intralciando il fondamentale lavoro dei mezzi di soccorso degli istituti pubblici di assistenza sulla direttrice più importante nei dintorni dell’Ospedale Versilia, i quali lamentano una pioggia di multe e si vedono così costretti a dover avvisare al passaggio di ogni ambulanza in situazioni dove ogni secondo è fondamentale per salvare vite. Potere al Popolo in quando movimento popolare e di classe non può accettare l’ulteriore messa in pericolo di cittadini e lavoratori già stremati dalle condizioni vergognose della sicurezza sul lavoro e dalla continua ingiustizia sociale di sanzioni pecuniarie su cui dietro si celano i peggiori tentativi di far cassa eludendo il dettato costituzionale della progressività del prelievo fiscale.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− due = 4