Il Carneval Varignano è la festa di una comunità genuina

Le periferie sono dimenticate in quasi tutte le città e Viareggio, purtroppo, non fa eccezione. Ma al Varignano ci sono energie importanti, persone generose che si spendono come mostra anche il successo del Carneval Varignano e la terza edizione del concorso “I mi carri”.

Anche senza soldi si può fare carnevale basta non essere poveri di fantasia ed entusiasmo. Basta avere la voglia di stare assieme e tenere viva una tradiszione, sperimentando magari nuove idee. Basta avere quei matti degli artisti dell’Officina Dada Boom, assieme a qualche studente, che si dilettano con la cartapesta, basta avere un paio di associazioni del Cantiere Sociale Versiliese che si mettono a disposizione per l’animazione o la ludoteca per i bambini, basta che ci siano i volontari della parrocchia della Risurrezione di Nostro Signore che portano pane e nutella per i bambini, basta che ci sia il sound del CSOA SARS che spara le note delle canzoni del carnevale di Viareggio e la gente del quartiere risponde con la semplicità e la genuinità che l’ha, sempre, contraddistinta. Quando la sfilata dei “I Mi Carri”; partita da via Minghetti e transitata per via della Vetraia, via Belluomini, è arrivata sotto il quartiere Lenci hanno iniziato a volare i coriandoli dai palazzi. Piano piano, poi, la gente si è riversata in strada ed ha raggiunto piazza Donatori di Sangue, dove i sorrisi dei bambini si sono mescolati ai coriandoli e ai colori delle maschere. E’ stata una festa allegra dove non sono mancati gli spunti di riflessione e solidarietà. I ragazzi della parrocchia hanno sfilato con un carretto con un cuoco che cucinava e il cartello “aggiungi un posto a chi ha fame”. A vincere, e quindi a finire bruciato per la prossima Baldoria come vuole la nuova tradizione varignanotta, è stato “galeotto fu il Canotto” di Alessandro Vanni e Sara Bellandi. Un mi carro con tanta cartapesta e tanta satira che raffigura l’amore tra Salvini e Di Maio scoppiato proprio su di un canotto alla deriva nel Mediterraneo. La satira carnevalesca ha preso di mira anche Pillon con Godzilla De – Gender del collettivo Dada Boom. Non sono mancate poi opere più carnevalesche e di richiamo alla viaregginità. Insomma è stata una festa ben riuscita una festa di comunità. Perché il Varignano è ancora una comunità che sa essere solidale e inclusiva.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

One Response to Il Carneval Varignano è la festa di una comunità genuina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre − = 1