Viareggio città di Francia? Passeggiata giacobina dei “No Asse.”

Il museo popolare della pineta si è arricchito di nuove opere artistiche e ha deciso di presentarle il 14 luglio 2019, non una data qualsiasi, ma il 230° anniversario della Rivoluzione Francese. La lotta contro l’asse di penetrazione, la strada che stuprerebbe il parco naturale, ha trovato, da tempo, in numerosi artisti toscani, e non, dei fieri oppositori. L’epoca in cui viviamo, purtroppo, è caratterizzata da poca memoria per questo le battaglie culturali divengono sempre più importanti anche quando vanno in direzione ostinata e contraria. L’arretramento della coscienza di classe è avvenuto con il colpo mortale inflitto alla Rivoluzione Bolscevica 30 anni fa. In quel 1989 la reazione capitalista cancellò le conquiste dell’Ottobre del ’17 ma qualcuno tra i reazionari non si è di certo accontentato e vorrebbe spazzare via anche le conquiste della Rivoluzione Francese. Del resto se viviamo, come molti affermano in un capitalismo finanziario post borghese, c’è da aspettarsi questo e altro. Viviamo in un mondo dove il profitto vale più dell’ambiente e della vita delle persone. Per questo ricordare i valori della Rivoluzione Francese assume un significato importante. Forse per qualche comunista può apparire come una battaglia di retroguardia ma in questo momento di forte attacco reazionario non lo è di sicuro.
Ecco che il Collettivo Dada Boom e il Collettivo SuperAzione hanno chiamato alla mobilitazione con l’evento “Giacobini di tutto il mondo salviamo la pineta.” Un evento partecipato che ha visto numerose performance, reading di poesie e soprattutto una “passeggiata giacobina no Asse” dentro il parco con tanto di marsigliese suonata dagli smartphone e culminata con la performance del Collettivo “Dada Boom” e del Collettivo SuperAzione “zona decementificata.”
In un periodo in cui vanno per la maggiore sagre e le commemorazioni di giostre medioevali, a voler sottolineare se mai ce ne fosse bisogno dell’epoca in cui viviamo, c’è chi in controtendenza ha preferito a dame e cavalieri ricordare i giacobini. In un periodo in cui un governo reazionario e una forza politica sciovinista e razzista come la Lega fa del sentimento ‘anti- francese uno dei suoi tratti peculiari anche la bandiera francese assume il senso di una provocazione. Così il Luca Fani, di turno, può urlare: “Via dal governo di roma vogliamo andare sotto Parigi.”
Una Viareggio francese ve la immaginate? Ma anche no! Infatti l’imperialismo francese e l’oppressione del governo transalpino non sono minori di quelli di altri governi occidentali. La presenza dei gilet gialli durante la passeggiata giacobina e il taglio della testa di Christine Lagarde, Emmanuel Macron e Marine Le Pen così come quello di Giorgia Meloni, Matteo Renzi e Matteo Salvini in una performance reo – dadaista intitolata “Europens Against Capitalism” stanno a sottolineare la vicinanza al popolo francese capace di tante ribellioni e non ai politicanti di Parigi servi del capitale come quelli di Roma. I popoli tra di loro devono trovare forme di lotta comune come sta avvenendo per la lotta alla TAV una delle opere più devstanti che ci possono essere. I viareggini, per lo meno quelli che hanno deciso per un giorno di passeggiare con i giacobini continueranno la loro lotta contro l’Asse di penetrazione, non solo una strada inutile ma dannosa come poche.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 − = due