Dopo il presidio per lo stadio si attendono risposte dal sindaco.

Il presidio promosso da “La Viareggio Ultrà” per lo stadio ha visto una discreta partecipazione di cittadini viareggini che si sono stancati delle promesse di questa amministrazione, la quale ha lasciato morire il calcio a Viareggio . Numerosi gli interventi che si sono susseguiti, oltre che dei tifosi anche di atleti e istruttori, giornalisti e associazioni. E’ stato ricordato di come lo stadio sia stato, non solo il luogo dove la passione degli sportivi bianconeri trovava realizzazione alla domenica ma anche, il luogo dove l’intera città ha dato l’ultimo saluto alle vittime della strage di Viareggio. Vedere lo stadio oggi in stato di abbandono è un pugno al cuore di tutti i viareggini. Nell’anno del centenario è stato sottolineato come gli ultras da soli autorganizzandosi dal basso abbiano fatto murales e abbiano reso presentabile una parte dello stadio mentre chi doveva garantire una manutenzione non l’abbia fatto. Al presidio erano presenti anche esponenti di Potere al Popolo, Repubblica Viareggina, Cantiere Sociale, Dada Boom, PRC e del Comitato Salviamo la Pineta che ha ribadito che l’asse di penetrazione non serve e invece lo stadio si. Il presidio è stato solo l’inizio di una mobilitazione che proseguirà lunedì 23 mattina in consiglio comunale.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


7 + due =