COBAS e Cantiere Sociale hanno promosso un’iniziativa di solidarietà con i lavoratori della Nuova Pignone.

Si è svolta venerdì 4 ottobre, promossa dai COBAS Lavoro privato Viareggio e Versilia e dal Cantiere Sociale Versiliese, una interessante e partecipata assemblea in sostegno con i lavoratori della Nuova Pignone di Massa. Oltre 60 persone hanno preso parte all’iniziativa coordinata da Gianluca Venturini che ha visto le relazioni di Marco Spezia ingegnere consulente della sicurezza, Angelo Bertocchi ex operaio Pignone e Nicoletta Cervia legale dei lavoratori Pignone. Dopo gli interventi introduttivi ha seguito un dibattito a cui sono intervenuti anche Giuliano Granato dell’ex OPG e del coordinamento nazionale di Potere al Popolo e Riccardo Antonini, il ferroviere licenziato dalle ferrovie per essersi offerto come perito nel processo per la strage ferroviaria di Viareggio.
L’iniziativa ha messo in risalto come i lavoratori, che per decenni sono stati a contatto con l’amianto ed altre sostanze nocive, hanno cominciato ad ammalarsi e a morire. Dal 2003 sono partiti processi contro l’azienda per danni biologici e danni morali, ovvero il cosiddetto “danno da paura”. Incredibilmente, alcuni mesi fa 21 ex lavoratori della Pignone hanno perso la causa per danni morali e sono stati condannati dalla Cassazione a pagare per intero le spese processuali ovvero più di 90000 euro. Contro questa vendetta di stato è necessario rispondere e organizzare la solidarietà! Per questo dopo l’assemblea c’è stata una cena per finanziare questi lavoratori e la loro sacrosanta lotta.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× 3 = dodici