Gli auguri degli sfrattati e dei senza casa sotto il municipio per annunciare un 2020 di lotta dura.

Auguri di natale da parte di sfrattati e senza casa che stamani 23 dicembre si sono presentati con bandiere sotto il municipio di Viareggio per denunciare come gli sfratti non si fermano neppure per Natale. All’iniziativa hanno aderito AS.I.A. USB, Brigata Mutuo Sociale per l’Abitare, Unione Inqulini, Non una di Meno, Cantiere Sociale Versiliese, Officina “Dada Boom” Repubblica Viareggina e Potere al Popolo. e anarchici. Interventi tutti al femminile per sottolineare come le donne vivano, in modo particolare, questa drammatica situazione dell’emergenza abitativa. Non una di meno ha distribuito un volantino che smentisce le dichiarazioni trionfali di Giorgio Del Ghingaro che si vanta immeritatamente di aver risolto i problemi sociali di questa città. E’ stato sottolineato l’indegno comportamento tenuto con gli immigrati di via Matteotti, la proposta di deportazione in “casa famiglia” di madri e bambini separati da mariti e padri a causa di sfratti che si potrebbero e dovrebbero bloccare. Una politica inesistente per l’infanzia in una città dove non ci sono gli scuolabus e nemmeno una piscina. I bambini degli sfrattati hanno incontrato Babbo Natale che ha ricevuto una lettera che chiedeva di portare telefoni agli impiegati dell’ufficio casa e all’assessore Gabriele Tomei in modo che possano rispondere ai sindacati e che chiedeva soprattutto un’amministrazione che la smetta di sradicare alberi e sgomberare bambini. E proprio con la realizzazione di un albero di natale da parte dei bambini che vivono in case occupate si è conclusa la manifestazione. Il 2020 sarà un anno importantissimo per il diritto all’abitare e il movimento di lotta per la casa viareggino con tutte le sue articolazioni lo affronterà da protagonista.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sei + 3 =