Presidio alla stazione di Viareggio, l’ultimo dell’anno per Nicoletta Dosio.

Diverse decine di persone hanno risposto al presidio, davanti alla stazione di Viareggio, lanciato solo poche ore prima da Potere al Popolo a seguito del vergognoso arresto della settantaquattrenne Nicoletta Dosio storica leader No TAV e dirigente nazionale di Potere al Popolo. Striscione, bandiere, volantini, slogan e interventi hanno caratterizzato le circa due ore di presidio al quale hanno partecipato anche esponenti di Rifondazione Comunista, del Partito Comunista dei Lavoratori, di Repubblica Viareggina, di Legambiente, del Cantiere Sociale Versiliese, del CSOA SARS, dell’Officina Dada Boom e del Laboratorio Contro la Repressione Sacko. 

Negli interventi, oltre a portare la piena solidarietà a Nicoletta Dosio e a ricordare i danni del TAV è stato ricordato come la giustizia usi due pesi e due misure. E’ stato sottolineato come i dirigenti di Treni Italia, nonostante due condanne per la strage ferroviaria di Viareggio, siano ancora a piede libero e di come invece qualcuno vada in carcere per reati ridicoli come il blocco stradale o l’interruzione di pubblico servizio, i quali da sempre sono pratiche delle lotte sociali e ambientali. E’ stata ribadita l’importanza di costruire solidarietà contro la repressione che, da Torino a Viareggio, investe nuovamente i compagni in tutto il paese ed è stata riaffermata l’inutilità delle grandi opere. Che si chiamino TAV o asse di penetrazione, esse sono sempre funzionali al profitto di pochi per il danno del bene comune.

Qui sotto il video.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 × quattro =