PCL e PRC: “Il coronavirus e la follia del capitalismo. Quale soluzione per l’emergenza?”

L’emergenza sanitaria in corso è una emergenza seria. Ma non è determinata esclusivamente dal virus. È
causata in maniera determinante da una organizzazione folle della società.
Per decenni la sanità pubblica è stata massacrata ovunque, per pagare il debito alle banche, per
finanziare le grandi imprese, per detassare i profitti dei capitalisti. Per stare solo all’Italia, dal 2008 ad
oggi sono stati tagliati al sistema sanitario ben 37 miliardi, mentre si pagano ogni anno 70 miliardi di soli
interessi sul debito pubblico e quasi 30 miliardi di spese militari. Il risultato è che 9 milioni di persone
devono rinunciare a curarsi, o per i costi delle prestazioni, o perché per una visita occorre aspettare un
anno. E ora col coronavirus mancano i letti e i reparti per le terapie intensive, le mascherine, i tamponi, i
medici e gli infermieri. E quelli che sono in servizio sono costretti a turni massacranti di 12 ore al giorno.
Ora tutti si chiedono quando arriverà il vaccino. Ma la ricerca scientifica pubblica è stata
anch’essa tagliata per decenni, per essere affidata all’industria farmaceutica. Che investe nel profitto
immediato, non certo nella programmazione del futuro. La ricerca scientifica sulla famiglia virale del
corona virus è stata chiusa nel 2006 (quando è scomparsa la SARS) per il semplice fatto che le aziende
farmaceutiche non avevano interesse a promuoverla. La ricerca oggi è solo un costo aziendale: si
programma e si fa se l’incasso supera il costo, altrimenti può attendere. I malati fanno in tempo a crepare.
Ora, come non bastasse, gli stessi interessi capitalistici responsabili di questo disastro, travolti
dal panico della recessione, presentano il conto ai lavoratori: nuovi licenziamenti, cassa
integrazione, espulsione dei lavoratori precari. Nuovi tagli annunciati alla spesa sociale per “aiutare le
imprese”. In realtà per tutelare il profitto dei capitalisti a spese di tutti gli altri. Dove sta allora l’emergenza
vera? Nella straordinarietà del virus o nell’organizzazione ordinaria e folle di questa società?
La verità è che il capitalismo è fallito, e non è riformabile. Occorre un’organizzazione della società
completamente nuova in cui a comandare siano i lavoratori, non i grandi azionisti. In cui l’economia
risponda al bisogno di tutti, non al profitto di pochi. I comunicati congiunti tra direzioni sindacali e
Confindustria sono tanto più oggi inaccettabili. C’è bisogno all’opposto di una iniziativa indipendente del
movimento operaio attorno a proprie rivendicazioni: giù le mani del profitto dalla salute!
Blocco totale dei licenziamenti! No alle ferie obbligate!
Pagamento al 100% dei salari dei/lle lavoratori/trici impossibilitati/e dal virus a
svolgere la propria attività normale o nella necessità di accudire i figli.
Investimento massiccio di risorse nella sanità pubblica. Massiccia e immediata
assunzione di personale medico e paramedico. Investimento concentrato nella
ricerca pubblica, scientifica e sanitaria, e immediata stabilizzazione di tutti i
ricercatori precari.
Requisizione e nazionalizzazione senza indennizzo della sanità privata, col pieno
e immediato utilizzo delle sue strutture per fronteggiare l’emergenza.
Nazionalizzazione dell’industria farmaceutica, senza indennizzo per i grandi
azionisti e sotto il controllo dei lavoratori.
Nuovi presidi sanitari sul territorio per gestire questo intervento straordinario, a
partire dalle terapie intensive.
Tassazione straordinaria (almeno al 10%) dei grandi patrimoni (sopra i 2 milioni
individuali o i 4 familiari) per finanziare queste misure.
A pagare il conto del coronavirus siano i capitalisti, non i lavoratori e le lavoratrici!

Partito Comunista dei Lavoratori sesione Lucca e Versilia

Partito della Rifondazione Comunista sezione di Pietrasanta

Partito della Rifondazione Comunista federazione della Versilia

Partito della Rifondazione Comunista federazione di Lucca

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 6 = otto