Potere al popolo realizza un flash mob in rete a fianco della sanità pubblica.

Non chiamateli eroi se poi li abbandonate: flashmob organizzato da Potere al popolo da nord a sud Italia per i lavoratori e le lavoratrici della sanità

Si moltiplicano i casi di denunce da parte degli operatori sanitari, che affermano di non poter lavorare in sicurezza.

Secondo gli ultimi dati dell’Istituto Superiore di Sanità, quasi un malato su dieci è un operatore sanitario, per un totale di 2629 persone.

Anche in questa situazione di emergenza vediamo i soldi pubblici indirizzarsi verso i privati. La gestione a guida Bertolaso in Lombardia non lascia presagire niente di buono

Il problema è strutturale e ben più profondo di quella che si vorrebbe raccontare, è il frutto di 37 miliardi di tagli in 10 anni e di una situazione che già prima dell’emergenza era al limite

Potere al popolo con un flash mob domanda contromisure immediate

Sempre più ospedali d’Italia sono diventati bombe a orologeria: l’aumento dei ricoveri per COVID, i turni massacranti, la tensione di poter contrarre il virus e di portarlo in famiglia, la sensazione di non essere tutelati a dovere in questa guerra, espongono il personale sanitario ad una pressione insostenibile.

Ormai sono tantissimi i racconti, le testimonianze dirette dei lavoratori impegnati in una quotidiana battaglia per le dotazioni di DPI (dispositivi di protezione individuale).

Non è un’emergenza che ci inventiamo noi:secondo gli ultimi dati dell’Istituto Superiore di Sanità, quasi un malato su dieci è un operatore sanitario, per un totale di 2629 persone.

La scarsità della somministrazione di tamponi, però, il loro dover permanere in servizio anche in caso di sospetto, finché asintomatici, lascia pensare che si tratta di una sottostima notevole del fenomeno.

E’ una situazione grave che non consente più di tergiversare, ma di attuare immediatamente misure in grado di tutelare le migliaia di operatori che rischiano di contagiarsi e di essere vettori del virus.

Esistono responsabilità precise per la situazione che il paese sta attraversando, ricadono su chi sta gestendo e organizzando l’assistenza sanitaria e si risolverebbero solo parzialmente con una distribuzione a pioggia di calzari e mascherine: il problema è strutturale e ben più profondo di quella che si vorrebbe raccontare, è il frutto di 37 miliardi di tagli in 10 anni e di una situazione che già prima dell’emergenza era al limite: c’è bisogno di contromisure immediate per evitare il peggio.
Anche in questa situazione di emergenza vediamo i soldi pubblici indirizzarsi verso i privati. La gestione a guida Bertolaso in Lombardia non lascia presagire niente di buono. Invece di rendere operativi reparti dismessi come quelli del San Carlo di Milano o dell’Ospedale di Legnano – cosa che si potrebbe subito fare, e che viene fatta ad esempio a Lucca, a dimostrazione di come cose che ci venivano presentate come “impossibili” erano questione di volontà politica – si costruiscono collaborazioni con il privato, con la mediazione dei ceti politici regionali, che ancora una volta subordineranno gli interessi di utenti e lavoratori del settore ai soliti noti. Come in analoghi di shock economy, sul campo dell’emergenza coronavirus si costruiscono modelli di intervento per il “dopo”, che paradossalmente rafforzeranno i processi di regionalizzazione che hanno già dimostrato il loro fallimento, perché daranno sempre più potere e decisionalità a politici locali e imprenditori del privato.

Per noi stare al fianco degli operatori sanitari che lottano contro il Coronavirus non significa limitarsi a sterili ringraziamenti, nella retorica degli “eroi” da sacrificare come carne da macello, come fa la stessa politica che per decenni ha tagliato alla sanità pubblica, privatizzando reparti, smantellando presidi, chiudendo pronto soccorso.

Pretendiamo contromisure immediate a questa emergenza, che tutelino la loro e la nostra salute, i nostri comuni diritti:

Reperimento immediato di DPI idonei alla prevenzione dei contagi per tutto il personale sanitario del servizio pubblico e pianificazione di strategie di autosufficienza produttiva per un approvvigionamento costante, mediante l’immediata requisizione di stabilimenti industriali privati e la riconversione di altre strutture produttive idonee a questo scopo;

Tamponi a tappeto per tutti i lavoratori dei servizi sanitari e loro periodica somministrazione a scopo preventivo, con applicazione immediata di misure precauzionali di contenimento dei contagi e assunzione a tempo indeterminato di nuovo personale per far fronte a queste misure;

Immediata attivazione di corsi di formazione continua per il corretto utilizzo dei DPI per tutto il personale sanitario in servizio, mediante corsi di formazione a distanza, che coinvolgano esponenti di ISS, OMS e operatori sanitari esperti, fra quelli attualmente sospesi precauzionalmente dal proprio posto di lavoro, in isolamento o in quarantena;

Monitoraggio immediato delle condizioni strutturali in cui versano le strutture sanitarie pubbliche dell’intero paese e pronta applicazione di un piano di contenimento della trasmissione di infezioni ospedaliere mediante interventi immediati di edilizia e riconversione degli spazi;

Incremento immediato dei mezzi di soccorso disponibili, ove insufficienti a garantire un turn-over di mezzi che ne garantiscano l’immediata sanificazione dopo ogni intervento di soccorso;

Sanificazioni periodiche degli ambienti ospedalieri, delle autoambulanze e delle strutture sanitarie territoriali, a scopo preventivo e precauzionale. 

Potere al Popolo

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 5 = tre