Il Laboratorio Contro la Repressione “Sacko” dopo il primo detenuto morto per covid torna a chiedere l’indulto.

“Purtroppo quello che temevamo si è verificato. A Bologna abbiamo il primo detenuto morto per covid 19. Si tratta di un uomo di 76 anni, in attesa di giudizio, finito in terapia intensiva. I compagni di cella sono stati messi in quarantena. Altri due detenuti del Sant’Orsola di Bologna sono risultati positivi al tampone. Positivi sono risultati anche in altri istituti di pena, almeno cinque sono a Pisa. Purtroppo nelle carceri italiane mancano le norme di sicurezza in primo luogo perché le celle sono super affollate, in secondo luogo perché non sono stati distribuiti in numero appropriato i dispositivi di sicurezza. Oggi, più che mai riteniamo che serva un provvedimento radicale che miri a ridurre il sovraffollamento dei penitenziari. Servono indulto e amnistia.  Anche se difficilmente potranno essere concessi visto la presenza, di un ministro tanto incapace quanto arrogante, come il ministro della giustizia Alfonso Bonafede.”

Laboratorio Contro la Repressione “Sacko”

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


due + = 10